Posted on

Si può vincere contro il Fisco?

Si può vincere contro il Fisco?

La domanda che ogni contribuente si pone è “Come posso vincere contro il Fisco?”

Innanzitutto devi sapere che vincere contro il Fisco è possibile, soprattutto se sai come muoverti.

Sappiamo che i contribuenti italiani tornano a battagliare col fisco. Infatti aumentano le controversie tributarie. Il Ministero dell’Economia comunica che i nuovi ricorsi crescono del 17,4% su base annua. Nel terzo trimestre 2020 le nuove controversie tributarie, in entrambi i gradi di giudizio, sono aumentate del 17,41% rispetto allo stesso periodo del 2019. 

Le controversie tributarie nei confronti del fisco sono in aumento, ma perchè?

Forse perchè nei ricorsi tributari gli enti riscossori risultano sconfitti circa una volta su due! Quindi i ricorsi aumentano perchè sempre più spesso si può vincere contro il fisco?

Un dato decisamente interessante. Ma questo numero potrebbe crescere ancora di più, se tutti coloro che si imbattono in ricorsi contro il fisco si affidassero a degli esperti nel settore. Infatti sappiamo bene che gli enti riscossori sono soliti commettere parecchi errori, soprattutto negli atti di notifica.

I dati parlano chiaro, presentando ricorso una volta su due si vince. Ma non bastano i dati incoraggianti per annullare il debito, serve un’attenta analisi della situazione debitoria del contribuente e di tutta la documentazione fornita dall’ente riscossore. Un consulente fiscale esperto poi sarà in grado di identificare eventuali vizi e di procedere con il ricorso in tribunale.

Noi di CFC Legal abbiamo riscontrato ben 73 vizi diversi che possono fare in modo di annullare in parte o totalmente il debito nei confronti del fisco. Questi 73 vizi sono tutti riportati all’interno del libro “Liberati da Equitalia”, giunto alla 3 edizione. 

Una cosa è certa, vincere in giudizio si può! Quindi evitate di assecondare sempre il fisco anche quando è in torto, prima richiedete un estratto di ruolo per valutare la vostra situazione debitoria.

Posted on

Ripartenza della Riscossione: A Capodanno si Festeggia?

Ripartenza della Riscossione: A Capodanno si Festeggia?

Ripartenza della Riscossione: Cosa accadrà il 1 Gennaio 2021?

A Capodanno si festeggerà? Come ben sappiamo saremo in Zona Rossa e i festeggiamenti sono decisamente limitati, quasi proibiti. Oltre a questo c’è poco da festeggiare perchè anche se la voglia di lasciarsi il 2020 alle spalle è tantissima, il 2021 ripartirà col botto.

E no, non in maniera positiva! Infatti dal 1 Gennaio 2021 subiremo la ripartenza della Riscossione, come citato dal DPCM del 18 Ottobre 2020. 

Il Testo del DPCM cita che la sospensione della Riscossione è stata prevista fino al 31 Dicembre 2020. Restano sospese fino alla fine del 2020:

  • le attività di notifica di nuove cartelle di pagamento
  • il pagamento delle cartelle già inviate in precedenza e degli altri atti dell’Agente della Riscossione.
  • sono ferme anche le attività di pignoramento su stipendi, pensioni e trattamenti assimilati.

Sta di fatto che non sono ancora uscite comunicazioni in merito ad una nuova proroga, quindi dal 1 Gennaio il Fisco ripartirà con la sua attività di riscossione.

La cosa preoccupante è che non ci sono stati nemmeno rumors riguardo una possibile proroga. infatti mancano ormai pochi giorni alla fine del 2020 e tutto fa pensare che non ci sarà nessun prolungamento del periodo di sospensione.

Sappiamo anche che il Governo ha urgente bisogno di fare cassa. La riscossione dei debiti pendenti è sicuramente la via più immediata. Come già riportato in altri articoli gli atti pronti ad essere notificati nel nuovo anno sono circa 31 milioni. Un dato decisamente preoccupante per tutti i contribuenti già massacrati dalla crisi dovuta alla pandemia.

I primi a subirne le conseguenze saranno i contribuenti con situazioni debitorie superiori a 100 mila euro. Questo perchè il Fisco riuscirà a recuperare quote più alte con uno sforzo minore.

La situazione si prospetta decisamente preoccupante, siamo ancora sicuri di festeggiare il 2021?

Approfondiamo l’argomento questa sera al Tax Show Live ore 20.30 live su Facebook e YouTube.

Magari non il Capodanno, ma noi di CFC Legal possiamo aiutarti a festeggiare la tua vittoria contro il Fisco! Dopotutto è da 16 anni che scendiamo in campo al fianco dei contribuenti per batterci contro Agenzia delle Entrate. Prima di fare azioni avventate e dannose per la tua attività e per la tua famiglia, valuta la tua situazione debitoria.

Posted on

Maradona: evasore o vittima di Agenzia delle Entrate ed ex Equitalia?

La scomparsa di Diego Armando Maradona ha lacerato il mondo sportivo. Tra chi lo ha amato, chi ha proposto il ritiro dal calcio del n° 10 e chi ha protestato per il minuto di silenzio scattato quasi su tutti i campi del mondo, c’è un’Italia che si è aperta a un vivo dibattito. Alla luce delle questioni fiscali di Diego Armando Maradona, la domanda che è sorta è stata chiara: il “Pibe de Oro” è stato un evasore o una vittima di Agenzia delle Entrate?

Va subito precisato che Maradona non è il solo Vip ad aver avuto a che fare con Agenzia delle Entrate. Tra questi, infatti, in Italia ricordiamo Valentino Rossi, Simona Ventura e tanti, tanti altri. Mentre, nel “calcio che conta”, i nomi di Cristiano Ronaldo, Lionel Messi e Neymar hanno vissuto la stessa sorte.

Ma torniamo alla domanda: “Maradona è un evasore o una vittima di Agenzia delle Entrate?”

Per rispondere a questa domanda entra in gioco il nostro Avv. Simone Forte, che ha avuto modo di prendere parte alla querelle tra il Pibe de Oro ed Equitalia, raccontandoci tutti i retroscena della vicenda.

Come capita anche a tanti imprenditori ancora oggi, anche al fuoriclasse azzurro arrivano diversi avvisi di accertamento che richiamano ai Diritti d’immagine del giocatore perché gestiti da società estere.

Equitalia si insospettisce perché il Napoli calcio pagava i diritti alle società estere e non direttamente al giocatore, quindi per il fisco il Pibe de Oro stava “evadendo”.

La cosa curiosa è che Maradona non ha MAI avuto la residenza a Napoli, aveva soltanto un indirizzo dove farsi recapitare la posta. Proprio qui, nel 1991, gli viene inviato un avviso di pagamento da 13 miliardi di lire (7 mln di euro). Solo che lui era già tornato in Argentina (ricordi la vicenda della squalifica per il caso doping a lui associato?).

Quel debito, dopo oltre un ventennio, è più che decuplicato, raggiungendo l’ammontare di oltre 44mln di euro. 

Poi è stato tutto un divenire ma per comprendere l’intera vicenda (e rispondere alla domanda) ti invito ad accedere al video.

Il “Caso Maradona” non è diverso da quanto potrebbe accadere a te con Agenzia delle Entrate. 

Come accade in oltre l’87% dei casi, anche per le cartelle del Pibe de Oro, il Fisco non è stata in grado di presentare i documenti originali degli avvisi di pagamento. Nonostante questo, la vicenda non è ancora conclusa e il debito rischia di essere ereditato.

Nel video troverai anche le informazioni su come gestire un debito “ereditato”.

Vediamo casi simili a quello del fuoriclasse argentino tutti i giorni nei confronti di imprenditori che subiscono attacchi aggressivi da parte del fisco rendendogli la vita estremamente difficile. 

E nella maggior parte dei casi si arriva fino in Cassazione per risolvere un debito, di conseguenza serve affidarsi a professionisti esperti in materia fiscale e contributiva, perchè ricordati che non basta il consiglio del tuo Commercialista.

Guarda il video dedicato al Caso Maradona 

Posted on

Cartella prescritta, annullato il debito a Milano

agenzia entrate, cartella prescritta, carlo carmine, cfc legal
Cartella prescritta, annullato il debito a Milano

Lo sapevi che un debito più vecchio di 5 anni può essere annullato? A dirlo è la legge: una cartella prescritta rende il debito illegittimo.

Rosario, dopo aver ricevuto la cartella di ex Equitalia, ha chiesto un appuntamento con noi di CFC Garanti del Contribuente. Nei nostri uffici di Milano (zona San Babila) ha potuto incontrare persone competenti che, ogni giorno, aiutano imprenditori e professionisti a liberarsi da ex Equitalia.

Dopo circa un anno, il Giudice di Pace di Milano ha accolto il ricorso effettuato dall’avvocato Simone Forte. Il debito è stato annullato per mancata notifica e la cartella esattoriale è stata dichiarata prescritta dal Giudice.

Rosario è solo uno degli oltre 1174 casi risolti dal nostro Team perché…

…i Giudici lo dicono, Noi ti aiutiamo a farlo!

Verifica le tue cartelle esattoriali

Posted on

Cash Flow Tax? Meglio una Rottamazione Quater

ex equitalia, agenzia entrate riscossione, debiti fiscali, cartelle esattoriali, annullamento cartelle,Cash Flow Tax

Cash Flow Tax? Meglio una Rottamazione Quater! Carlo Carmine non ha dubbi.

“Uno “scollamento” tra Stato e Aziende è da sempre al centro delle discussioni ma oggi come oggi, soprattutto alla luce di quanto accaduto in ottica Covid-19, è ancora più evidente.

La situazione attuale. Le manovre discusse e portate in approvazione, i vari Decreti che si sono già susseguiti, Cura Italia, Liquidità, Rilancio e oggi “Semplificazioni” non sortiscono gli effetti desiderati e, anzi, evidenziano le falle di un sistema che non ragiona nell’ottica delle micro, piccole e medie imprese italiane”.

Lo evidenzia Carlo Carmine, Difensore Patrimoniale e Presidente del Gruppo CFC Garanti dell’Imprenditore, che aggiunge: “Dinanzi a una Italia il cui Pil è prodotto perlopiù dalle PMI, il Governo si dimentica proprio di questo e strizza l’occhio alle Grandi Aziende che danno lavoro a una minima parte di italiani, rispetto proprio alle PMI che ne sono motore portante”.

I dati, in effetti, danno ragione a Carlo Carmine perché (Fonte Istat) il PIL del nostro paese dipende proprio dalle PMI per il suo 69% e da’ occupazione a oltre il 79% dei lavoratori italiani (Qui l’intervista-approfondimento sul tema di Carlo Carmine a Vincenzo di Vincenzo, direttore di Ansa Lombardia).

Cash Flow Tax? Meglio una Rottamazione Quater

“E cosa fa il Governo in quest’ottica? – si chiede Carlo Carmine – Interviene sulle soglie dei pagamenti in contanti e favorisce ancora una volta le banche (qui l’intervento con Gianluca Massini Rosati, founder di Soluzione Tasse) proprio mentre Ernesto Maria Ruffini propone la Cash Flow Tax”.

“Questo periodo – continua Carlo Carmine – poteva essere un’occasione per ridisegnare la storia economica italiana. Invece, sta diventando una nuova prigione per gli imprenditori già lesi (e non ancora ripresi) dalla crisi del 2008. Ed oggi in balia di virus e iniziative sbagliate. Così non va bene”. 

Scopri Tax Show Live: il 1° Show per gli Imprenditori 

La proposta di Ruffini (Agenzia delle Entrate). E proprio a proposito di Cash Flow Tax, a intervenire sul tema è il Direttore di Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini che dopo le anticipazioni de “Il Giornale”, interviene su Adnkronos affermando: “Il fisco è la madre di tutte le riforme, a mio avviso. Serve una visione globale. […] “Quel che è ormai chiaro a tutti è che è necessario far ripartire la locomotiva. La locomotiva sono le imprese. I modi possibili – dice Ruffini – per ottenere questo risultato sono vari. Una possibilità è tagliare il principale costo delle imprese riducendo il cuneo fiscale sul lavoro.

Ma c’è anche un’altra possibilità. Prendiamo le piccole e piccolissime attività d’impresa, che sono la grande maggioranza delle partite Iva. A loro dovrebbe essere esteso il sistema di tassazione per cassa consentendo l’immediata deducibilità degli investimenti, invece di diluirla nel tempo con gli ammortamenti. Questa sorta di cash flow tax potrebbe essere un buon strumento per far ripartire gli investimenti e quindi la produzione”.

L’intervento di Carlo Carmine e Gianluca Massini Rosati sulla Cash Flow Tax

Cash Flow Tax? Meglio una Rottamazione Quater. “Da Difensore Patrimoniale resto basito. La sola soluzione non sta nell’aumentare le tasse, nell’anticiparle, nell’assicurarsi nuovi pagamenti ma sta nel sanare quanto ancora ci trasciniamo. E allora: perché non attuare una vera Pace Fiscale? Una reale Rottamazione Quater che introduca le imprese in un periodo di “pace” e rilancio aziendale piuttosto che implementare un incubo sempre più italiano fatto di esborsi, non servizi e paura di crescere.

Le PMI sono il motore dell’Italia: siamo, la Politica è chiamata a favorirle e non a lederle. Due sono le esigenze: da un lato ‘ridurre il pregresso’ legato alle posizioni debitorie con ex Equitalia. Dall’altro agire in modo concreto sul carico fiscale che deve essere drasticamente ridotto”.

👉Clicca qui se vuoi Scoprire come Difenderti da Agenzia delle Entrate ed Ex Equitalia (prima che sia troppo tardi)👈

Posted on

Stati Generali, tutta la Verità

stati generali

Tax Show Live è Fisco, Economia e Strumenti di Rilancio per Imprenditori. Ma, soprattutto, è attualità: cosa è emerso dagli Stati Generali? Quali soluzioni concrete sono emerse? 

Parte da questi interrogativi la puntata di Mercoledì 1 Luglio, alle ore 21.00.

In studio un ospite d’eccezione: l’On. Roberto Cataldi. Avvocato, direttore di studiocataldi.it e parlamentare, offrirà uno spaccato di ciò che è successo davvero a Villa Pamphili. Perché, solo chi vive ogni giorno la politica, può raccontare cosa accade nelle “stanze dei bottoni”. E Tax Show Live lo fa senza filtri, al servizio degli imprenditori. 

Con l’On. Roberto Cataldi, Carlo Carmine approfondirà “I Numeri che Non Ti Dicono”, fotografando un Paese ancora lontano dalla ripresa, anche dopo gli Stati Generali.

 

Vuoi saperne di più sugli Stati Generali? Iscriviti a Tax Show Live e Invia la tua Domanda

 

A scendere in verticale sui problemi concreti degli imprenditori, saranno ancora una volta l’Avv. Simone Forte e il Dott. Mauro Finiguerra. Nella rubrica “Il Fisco Oggi” verranno trattati temi che necessitano di soluzioni pratiche e immediate: dalle prossime scadenze fiscali alla Rottamazione Ter.

 

Ampio spazio verrà dato alle domande degli ascoltatori nel corso di “Domande e Risposte Live”. Gli avvocati di CFC Garanti dell’Imprenditore questa settimana si focalizzeremo sull’Intimazione di Pagamento:

  • cos’è
  • cosa fare quando ricevi la raccomandata
  • come annullarla

E, sentenza alla mano, nel “Caso Risolto” verrà analizzata la strategia legale che ha permesso ad un imprenditore di annullare l’intimazione (e il debito sottostante).

 

La puntata si concluderà insieme a Golia V. Pezzulla, esperto di Comunicazione Aziendale e Psicologia Sociale. Con lui verranno approfondite tutte le soft skills fondamentali per avere successo nel business (e non solo), dal linguaggio non verbale alle gestione delle obiezioni.

Iscriviti Adesso a Tax Show Live

 

Posted on

Condono Fiscale in Arrivo? Tutte le Novità a Tax Show Live

condono fiscale

Le voci si fanno sempre più insistenti: nei corridoi di Palazzo Chigi si parlerebbe di un Condono Fiscale con il quale cancellare il 40% dei debiti a carico degli Italiani. Una manovra a cui il Governo è sempre stato contrario, rimandando al mittente ogni proposta di Rottamazione Quater.

 

Carlo Carmine Il Difensore Patrimoniale, l’Avv. Simone Forte e il Dott. Mauro Finiguerra ne parlano nella prossima puntata di 

Tax Show Live

Mercoledì 3 Giugno

Ore 21.00

 

Iscriviti a Tax Show Live e Invia la Tua Domanda

 

Tuttavia, al netto delle “voci di corridoio” circa il condono fiscale, oggi la realtà economica italiana ci parla di:

  • 2 milioni di posizioni debitorie aperte con il Fisco
  • 49% degli imprenditori con debiti superiori a 80 mila euro
  • 60% dei fatturati che se ne vanno in tasse

Cifre che fanno tremare i polsi, visto che dal 1° settembre si prevede uno tsunami di cartelle esattoriali e atti esecutivi per rimpinguare le casse delle Stato. 

 

Per questo, centrali saranno le tematiche oggi più calde per l’Italia che fa impresa:

  • “I Numeri che Non Ti Dicono”, ovvero tutti quei dati che la stampa non diffonde (ma fotografano la vera situazione dell’Italia che prova a ripartire)
  • “Il Fisco Oggi”. Condono fiscale in arrivo (sarà vero?)
  • “Caso Risolto”. Anche questa settimana un avvocato di CFC Garanti del Contribuente racconterà la storia di un imprenditore che ha risolto, spiegando nel dettaglio la Strategia Legale che ha portato ad annullare il debito
  • “Domande e Risposte Live”. L’Avv. Simone Forte e il suo Team risponderanno in modo chiaro ed esaustivo alle domande inviate dagli imprenditori

 

E per la rubrica “Nuovi Strumenti Per far Decollare il Fatturato”, ospite in studio sarà Giordano Guerrieri, il Credit Coach delle PMI Italiane, per parlare di liquidità e credito alle imprese. 

 

Iscriviti GRATIS a Tax Show Live

 

Posted on

Novità Decreto Rilancio: l’impresa al centro

novità del decreto rilancio

In oltre 400 pagine, le Novità del Decreto Rilancio riguardano da vicino le imprese italiane. Un testo imponente in cui, però, non è facile orientarsi (ma è necessario se vuoi ripartire al meglio col tuo business).

Per gli imprenditori, infatti, le Novità del Decreto Rilancio sono Opportunità Concrete. In particolare, le possibilità di rilancio si aprono per chi:

  • Aderito alla Rottamazione Ter ma non è riuscito a pagare le rate previste entro Dicembre 2019
  • Aderito alla Rottamazione Ter ed è in regola con i Pagamenti dello scorso Dicembre 2019
  • Attivato una Rateizzazione con l’Agenzia delle Entrate ed ex Equitalia
  • Ricevuto un’Intimazione di Pagamento per Cartelle Esattoriali non Pagate
  • Subito Pignoramenti o Iscrizioni Ipotecarie da parte di ex Equitalia
  • Ricevuto un Avviso di Accertamento prima dell’8 marzo 2020
  • Ricevuto degli Avvisi Bonari

 

Per chiarire meglio le novità del Decreto Rilancio dal punto di vista pratico, gli argomenti verranno approfonditi nel corso del webinar gratuito di stasera alle 21.00

 

Decreto Rilancio, uno Tsunami in Arrivo: Novità per chi ha Aderito alla Rottamazione Ter, per gli Avvisi di Accertamento, per le Cartelle ex Equitalia e per le Rateizzazioni Fisco

 

Segui il Webinar Gratuito e Scopri le Novità del Decreto Rilancio

 

Insieme a Carlo Carmine, all’Avv. Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, verranno approfonditi inoltre argomenti importanti come:

  • Ridurre e Annullare il Debito di Oltre 100mila Euro con il Fisco
  • Nuovi Termini di Versamento delle Imposte, delle Cartelle di ex Equitalia e degli Avvisi di Accertamento dell’Agenzia delle Entrate
  • Ottenere un Finanziamento Se Hai Debiti con il Fisco
  • Ottenere il DURC

Ma, soprattutto, verranno fornite Soluzioni Nuovissime (che nessuno ti darà) per Debiti con il Fisco Superiori a 100mila euro. 

 

Non vuoi aspettare il webinar?

Fissa ora una consulenza a distanza: i nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione!

 

Posted on

Decreto Rilancio. Uno tsunami di tasse in arrivo

novità del decreto rilancio

Manca pochissimo: il Decreto Rilancio è in dirittura d’arrivo.

Ma, purtroppo, di “rilancio” c’è ben poco e proprio per questo è importante agire senza commettere errori. Innanzitutto, aspettare senza fare nulla.

Non perdere il Webinar Gratuito

 

“Decreto Rilancio, uno Tsunami in Arrivo: Novità per chi ha Aderito alla Rottamazione Ter, per gli Avvisi di Accertamento, per le Cartelle ex Equitalia e per le Rateizzazioni Fisco”

 

Giovedì 14 Maggio

Ore 21.00

 

Voglio Iscrivermi al Webinar

 

Un’ora di informazioni pratiche e strategie concrete per affrontare la Fase 2 e le novità del Decreto Rilancio.

 

Carlo Carmine, l’Avv. Simone Forte e il Dott. Mauro Finiguerra in diretta affronteranno le tematiche più importanti per le imprese:

  • Gestione della Rottamazione Ter (anche se non hai pagato alcuna rata)
  • Nuovi Termini di Versamento delle Imposte, delle Cartelle di ex Equitalia e degli Avvisi di Accertamento dell’Agenzia delle Entrate
  • Come Ottenere un Finanziamento Se Hai Debiti con il Fisco
  • Ottenere il DURC

 

Quello che ci attende è, purtroppo, una crisi ancora peggiore di quella del 2008

Ma con le strategie giuste, concrete e attuabili già da adesso, puoi metterti al riparo da danni incalcolabili (che già stai sperimentando). 

Per questo, iscriviti ora al Webinar: è GRATIS!

Dopo esserti registrato, potrai porre le tue Domande sin da subito e, garantendo il tuo anonimato, ti risponderemo in diretta.

 

Voglio Iscrivermi al Webinar 

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza, tramite Skype o WhatsApp.

I nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione!

Posted on

Avvisi di Accertamento e Atti Esecutivi: come difendersi

avvisi di accertamento

In tempi di pandemia, gli Avvisi di Accertamento e le Intimazioni di Pagamento inviate fino all’8 marzo sono “bombe” pronte ad esplodere. Sono tantissimi gli imprenditori che, prima dei vari decreti, si sono trovati tra le mani la temuta “busta verde”. E, appena tutto sarà finito, Ex Equitalia e Agenzia delle Entrate non esiteranno a reclamare quanto dovuto.

Per agire nel modo giusto, segui il Webinar Gratuito

“Come Affrontare un Avviso di Accertamento di Agenzia delle Entrate o un’Intimazione di Pagamento di ex Equitalia ai Tempi del Coronavirus”

Domani, Venerdì 17 Aprile

ore 12.00

 

Iscriviti al Webinar Gratuito

 

Insieme a Carlo Carmine, all’Avv. Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, in diretta verranno affrontati temi di fondamentale importanza:

  • come affrontare gli Avvisi di Accertamento
  • come difendersi dalle Intimazioni di Pagamento
  • come risolvere i problemi col Fisco precedenti al Coronavirus

 

Anche in tempi di Coronavirus, quindi vietato abbassare la guardia! Oggi più che mai, devi difenderti dalle future aggressioni del Fisco, quelle che potrebbero compromettere la ripresa del tuo business. 

 

Scopri come Annullare gli Avvisi di Accertamento

 

Sono tantissimi gli Avvisi di Accertamento e le Intimazioni di Pagamento inviate agli Imprenditori italiani  fino all’8 Marzo scorso. Non devi fingere che non esistano: questo potrebbe compromettere la tua ripresa, dopo la crisi economica più dura dal Dopoguerra. Pensa al domani e liberati oggi dai debiti fiscali. Il futuro è nelle tue mani.

 

ATTENZIONE. Il Webinar è Gratuito ma i Posti sono Limitati!

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza. I nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione anche  tramite Skype o WhatsApp

 

Scopri di Più