Posted on

Novità Decreto Rilancio: l’impresa al centro

novità del decreto rilancio

In oltre 400 pagine, le Novità del Decreto Rilancio riguardano da vicino le imprese italiane. Un testo imponente in cui, però, non è facile orientarsi (ma è necessario se vuoi ripartire al meglio col tuo business).

Per gli imprenditori, infatti, le Novità del Decreto Rilancio sono Opportunità Concrete. In particolare, le possibilità di rilancio si aprono per chi:

  • Aderito alla Rottamazione Ter ma non è riuscito a pagare le rate previste entro Dicembre 2019
  • Aderito alla Rottamazione Ter ed è in regola con i Pagamenti dello scorso Dicembre 2019
  • Attivato una Rateizzazione con l’Agenzia delle Entrate ed ex Equitalia
  • Ricevuto un’Intimazione di Pagamento per Cartelle Esattoriali non Pagate
  • Subito Pignoramenti o Iscrizioni Ipotecarie da parte di ex Equitalia
  • Ricevuto un Avviso di Accertamento prima dell’8 marzo 2020
  • Ricevuto degli Avvisi Bonari

 

Per chiarire meglio le novità del Decreto Rilancio dal punto di vista pratico, gli argomenti verranno approfonditi nel corso del webinar gratuito di stasera alle 21.00

 

Decreto Rilancio, uno Tsunami in Arrivo: Novità per chi ha Aderito alla Rottamazione Ter, per gli Avvisi di Accertamento, per le Cartelle ex Equitalia e per le Rateizzazioni Fisco

 

Segui il Webinar Gratuito e Scopri le Novità del Decreto Rilancio

 

Insieme a Carlo Carmine, all’Avv. Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, verranno approfonditi inoltre argomenti importanti come:

  • Ridurre e Annullare il Debito di Oltre 100mila Euro con il Fisco
  • Nuovi Termini di Versamento delle Imposte, delle Cartelle di ex Equitalia e degli Avvisi di Accertamento dell’Agenzia delle Entrate
  • Ottenere un Finanziamento Se Hai Debiti con il Fisco
  • Ottenere il DURC

Ma, soprattutto, verranno fornite Soluzioni Nuovissime (che nessuno ti darà) per Debiti con il Fisco Superiori a 100mila euro. 

 

Non vuoi aspettare il webinar?

Fissa ora una consulenza a distanza: i nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione!

 

Posted on

Avvisi di Accertamento e Debiti Fiscali: il Webinar in Diretta

avvisi accertamento

Il 2020 si apre con l’invio di oltre 300 mila atti esecutivi da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione. In particolare, protagonisti di ogni fine e inizio d’anno sono gli avvisi di accertamento

Per questo, Giovedì 16 Gennaio, Carlo Carmine e l’Avv. Simone Forte saranno in diretta con un Webinar Gratuito alle ore 13.00.

 

Incentrato sulle ultime novità in tema di avvisi di accertamento e annullamento del debito con ex Equitalia, il webinar ti permetterà di scoprire:

  • come annullare il debito con il Fisco
  • cosa fare se ricevi un avviso di accertamento di ex Equitalia
  • quali strategie annullano cartelle esattoriali, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento
  • come tu stesso puoi identificare vizi di forma e notifica negli atti emessi da ex Equitalia

 

A ciò si aggiungono le novità del Decreto Fiscale che vorrebbe “in manette” chi ha problemi con il Fisco, senza distinguere tra evasori e persone veramente in difficoltà con il pagamento delle tasse. Ma anche tu puoi tutelarti “in punta di diritto” con sentenze emanate dai Tribunali di tutta Italia.

Per molti imprenditori e professionisti, infatti, i postumi della crisi economica si fanno ancora sentire. In tanti hanno aderito alla Rottamazione Ter ma, non essendo riusciti a pagare la prima rata, ora temono per il loro futuro e quello delle loro famiglie. E, in queste ore, imprenditori e professionisti sono alle prese con avvisi di accertamento, cartelle esattoriali, pignoramenti e intimazioni di pagamento.

 

Per questo è importante seguire il Webinar Gratuito di Giovedì 16 Gennaio a partire dalle ore 13.00.

 

Una diretta da non perdere, ricco di informazioni su come difendersi dalle “aggressioni” di ex Equitalia. Carlo Carlo Carmine e Simone Forte risponderanno, inoltre, alle domande del pubblico:

 

Iscriviti Ora al Webinar e Invia la Tua domanda

 

Save the Date:

Giovedì 30

Ottobre Ore 13.00

 

E se vuoi risolvere subito, richiedi una consulenza in studio!

Posted on

Intimazioni di Pagamento in Arrivo

intimazioni di pagamento

Dal 7 gennaio saranno in tantissimi a ricevere cartelle esattoriali, intimazioni di pagamento, ipoteche e pignoramenti.

 

Durante le festività, infatti, ex Equitalia ha “congelato” circa 300 mila atti esecutivi destinati a imprenditori e professionisti italiani. ​Un “regalo di Natale” destinato però a durare ben poco…

 

Tra gli atti più temuti, le intimazioni di pagamento possono davvero gettare nel panico. A fronte di un debito non pagato, ex Equitalia ti dà 5 giorni di tempo per regolarizzare la tua posizione. E, se non puoi pagare, ecco scattare il recupero forzoso del credito attraverso vere e proprie “aggressioni” ai tuoi beni (compresa la prima casa!).

 

Ma non tutti sanno che oggi è possibile difendersi da ex Equitalia avvalendosi della Legge. Innanzitutto perché, nonostante la “stretta” del Decreto Fiscale, i Giudici restano dalla parte di chi lavora onestamente nel nostro paese. 

 

​​Sono tantissimi i vizi di forma e di procedura che annullano le intimazioni di pagamento, cancellando il debito. A provarlo sono i tanti casi di contenzioso tributario che, quotidianamente, si chiudono con la vittoria del contribuente. E arrivano spesso in Cassazione. 

 

Ti faccio un esempio

  • Se l’intimazione di pagamento si riferisce a un debito più vecchio di 5 anni, l’atto è nullo. 
  • Lo stesso, se fa riferimento a cartelle notificate meno di 12 mesi prima.

 

Noi di CFC Garanti del Contribuente, da oltre 16 anni, ci battiamo proprio per questo: far valere i diritti di tutti quegli imprenditori e professionisti che fanno crescere il nostro paese, nonostante la pressione fiscale e i postumi di una crisi economica che ha messo in ginocchio famiglie e imprese. 

 

Quindi, se hai ricevuto un’intimazione di pagamento, non perdere tempo e fai analizzare la tua situazione da un legale esperto. ​​

Ma ricorda: dal momento della notifica, hai 20 giorni di tempo per impugnare l’intimazione e annullarla!

 

Agisci subito e risolvi adesso con l’Agenzia delle Entrate Riscossione!

 

Posted on

Decreto Fiscale e Debiti ex Equitalia. Il Webinar Gratuito da non perdere

webinar gratuito 30 ottobre

In queste ore crescono le preoccupazioni di imprenditori e professionisti, ora più che mai nel mirino di ex Equitalia. Per rispondere a tutti i tuoi dubbi, mercoledì 30 Ottobre Carlo Carmine e l’Avv. Simone Forte saranno in diretta con un webinar gratuito dalle ore 13.00. 

 

Già da qualche giorno ex Equitalia ha “dichiarato guerra” ai contribuenti al fine di recuperare 9 miliardi di euro entro fine anno. Questo significa prepararsi a una pioggia di cartelle esattoriali, ipoteche, pignoramenti e fermi amministrativi. A ciò si aggiungono le novità del Decreto Fiscale appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e in vigore dal 27 Ottobre 2019. Innanzitutto l’inasprimento delle misure contro l’evasione fiscale, arrivando al carcere fino a 8 anni. Questo senza fare alcuna distinzione tra chi davvero evade e chi non può pagare le tasse, trovandosi in difficoltà economica. 

 

Per molti imprenditori e professionisti, infatti, i postumi della crisi economica si fanno ancora sentire. In tanti hanno aderito alla Rottamazione Ter per prendere un po’ di respiro, consapevoli di non poter pagare. Ma oggi è possibile annullare il debito e risolvere definitivamente. A dirlo sono i Giudici dei Tribunali italiani di ogni ordine e grado.

 

Per questo è importante seguire il Webinar Gratuito di mercoledì 30 ottobre, dalle ore 13.00 alle 14.00. Durante la diretta verranno affrontati i temi più importanti del momento: 

  • Decreto Fiscale 2020 e debiti con ex Equitalia
  • vizi di procedura e di notifica che annullano il debito
  • come cancellare cartelle esattoriali, ipoteche, pignoramenti e fermi amministrativi

 

Un Webinar Gratuito da non perdere, ricco di informazioni per difendersi dalle “aggressioni” di ex Equitalia avvalendosi della Legge. Perché anche tu puoi risolvere, nonostante il Decreto Fiscale e le azioni esecutive preannunciate da qui a fine anno. Carlo Carlo Carmine e Simone Forte risponderanno, inoltre, in diretta alle domande del pubblico

 

Save the date: mercoledì 30 Ottobre, ore 13.00

 

Iscriviti Ora al Webinar e Invia la Tua domanda

Posted on

Rottamazione Ter: 700mila comunicazioni in arrivo

comunicazioni rottamazione ter

Per chi ha presentato richiesta entro lo scorso 31 luglio, sono in arrivo 700 mila comunicazioni con l’esito della domanda di adesione alla Rottamazione Ter. 

L’invio delle comunicazioni sarà completato entro il 31 ottobre con lettera raccomandata o Pec. La lettera dell’Agenzia delle Entrate Riscossione conterrà:

 

> accoglimento o rigetto della domanda di adesione

> importi da pagare

> eventuali carichi esclusi dalla rottamazione

> date entro cui effettuare i pagamenti

 

Le comunicazioni del Fisco conterranno, inoltre, i bollettini di pagamento.

Se è stata richiesta una dilazione in oltre 10 rate, la busta conterrà i primi dieci bollettini di pagamento. I rimanenti verranno recapitati successivamente, prima della scadenza dell’undicesima rata. Ti ricordiamo che per la Rottamazione Ter, le rate sono al massimo 17.

 

La scadenza per il pagamento della prima rata è fissata al 30 Novembre 2019, che però cade di sabato: la scadenza slitta quindi a lunedì 2 Dicembre.

 

In caso di mancato pagamento della prima rata, cadranno i benefici della Rottamazione Ter e dovrai pagare tutto (e subito).

 

Ti faccio un esempio. A fronte di un debito di 100 mila euro (70 mila di importe, 20 mila di sanzioni e 10 mila di interessi), con la Rottamazione Ter l’importo da pagare si ridurrebbe a 70 mila euro. Ma se non paghi la prima rata, il debito tornerà a 100 mila euro e dovrai pagarlo immediatamente, onde evitare l’aggressione dei tuoi beni da parte di ex Equitalia. 

 

In ogni caso, anche se hai scelto di “rottamare” o stai già rateizzando, puoi ancora scegliere di verificare la tua posizione debitoria e risolvere davvero con l’Agenzia delle Entrate Riscossione.

 

Non tutti sanno, infatti, che oltre l’87% degli atti emessi da ex Equitalia contengono vizi di forma o di notifica che annullano il debito: con i nostri avvocati, attivi in tutta Italia, la situazione potrebbe ribaltarsi a tuo favore con sentenze “nero su bianco”!

 

Il 30 Novembre è vicino…  Contattaci per una consulenza in studio!

Posted on

Esterometro, Risparmiometro, atti esecutivi: tutte le armi del Fisco

comunicazioni rottamazione ter

L’Agenzia delle Entrate Riscossione non sa più cosa inventarsi mettere le mani nelle tasche degli italiani. Dall’Esterometro al Risparmiometro, passando attraverso la tempesta di atti esecutivi partiti in queste ore. E con la crisi di Governo in atto e l’imminente Legge di Bilancio, fare cassa diventa un’esigenza ancor più impellente.

 

Così ex Equitalia sfodera tutte le sue armi, sparando nel mucchio con oltre 800 mila cartelle esattoriali in arrivo (con tanto di ipoteche e pignoramenti) dopo la pausa estiva. Quali sono le regioni nel mirino? Sul podio Lombardia (160 mila), Lazio (90 mila) e Toscana (circa 80 mila). 

 

A ciò si aggiungono i nuovi strumenti messi in campo dall’ente riscossore nel 2019.

Primo fra tutti ha debuttato l‘Esterometro, introdotto con la fatturazione elettronica a inizio 2019. Si tratta di un documento in cui devono essere indicate tutte le operazioni transfrontaliere e le fatture attive e passive verso l’estero. A compilarlo sono tutti i soggetti provvisti di Iva registrati in italia che emettono o ricevono fatture da o verso soggetti non residenti nel nostro paese. 

 

È arrivato poi il Risparmiometro (ribattezzato “Evasometro“), è un software che monitora i risparmi accumulati sul conto corrente e li raffronta con i redditi dichiarati. Se le uscite risultano troppo contenute rispetto alle entrate, scattano immediatamente gli accertamenti fiscali. Approvato anche dal Garante della Privacy, i primi controlli del Risparmiometro sono già scattati all’inizio dell’estate. 

 

Esterometro, Risparmiometro, atti esecutivi: un vero e proprio “tiro al contribuente” il cui unico scopo è incassare quanti più soldi possibile. Ma tu puoi proteggere il tuo business e la tua famiglia grazie allo “scudo” di CFC Garanti del Contribuente, da 15 anni accanto a imprenditori e professionisti finiti nel vortice di ex Equitalia. 

 

Hai ricevuto una cartella esattoriale, un’ipoteca, un pignoramento? 

 

La soluzione c’è! Ma, per annullare il debito, è fondamentale agire subito e con l’aiuto di un legale specializzato. E, nel solo 2018, sono oltre 1174 gli imprenditori e i professionisti aiutati a liberarsi di ex Equitalia con sentenze “nero su bianco” emesse dai Giudici italiani. 

 

Anche tu puoi risolvere: scopri come annullare il tuo debito con ex Equitalia

Posted on

Anche il Fisco va in ferie

rottamazione quater

Anche il Fisco va in ferie e per tutto il mese di agosto adempimenti e versamenti fiscali sono sospesi

 

Per versamenti ordinari, la pausa dura tre settimane e tutte le scadenze dei primi giorni di agosto sono automaticamente prorogate al 20.  Sino al 4 settembre sono sospesi i termini di pagamento delle somme dovute a seguito di avvisi bonari.

 

Il Fisco va in ferie anche per quanto riguarda la notifica di cartelle esattoriali e avvisi di accertamento. Le comunicazioni ai contribuenti si fermano dal 10 al 25 agosto: si parla di circa 800 mila atti che resteranno congelati sin dopo le vacanze. Nessuno stop, invece, per gli oltre 25 mila atti inderogabili.

 

Tutti sotto l’ombrellone senza pensare ai debiti fiscali con ex Equitalia, quindi.

 

Ma se sai di avere dei “conti in sospeso” con Fisco, non perdere tempo: approfitta di questo momento di pausa per agire e annullare il tuo debito.

 

Un team di 104 avvocati specializzati e 94 consulenti esperti da oltre 15 anni supportano imprenditori e professionisti nell’affrontare anche le situazioni debitorie più difficili, quelle che non dormire la notte, sino a trovare soluzioni concrete

 

E sono le sentenze a dirlo, con i numerosissimi casi risolti in tutta Italia: 1174 nel solo 2018. Perché, come amiamo ricordare: i Giudici lo dicono, Noi ti aiutiamo a farlo!

 

Ecco perché anche il tuo debito con ex Equitalia può essere annullato

 

Il Fisco va in ferie per un mese, ma tu puoi dire addio ai debiti fiscali per sempre: richiedi una consulenza presso i nostri uffici di Milano e scopri perché anche tu puoi annullare cartelle di pagamento, ipoteche, pignoramenti, fermi amministrativi e intimazioni di pagamento!

Posted on

Prima Rata della Rottamazione Ter 2019: hai ricevuto i bollettini?

comunicazioni rottamazione ter

C’è tempo fino al 31 luglio per pagare la prima rata della Rottamazione Ter 2019. Se non hai ancora ricevuto la “Comunicazione” dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, recati urgentemente presso uno degli sportelli territoriali. Oppure accedi online alla tua area riservata per verificare l’esito della tua domanda e scaricare i bollettini. 

 

La “Comunicazione” avrebbe dovuto pervenire, infatti, entro il 30 giugno e confermarti:

  • accoglimento o rigetto della domanda di adesione
  • importi da pagare
  • carichi esclusi dalla rottamazione
  • date e entro cui effettuare i pagamenti

Purtroppo, in caso di mancato pagamento della prima rata della Rottamazione Ter 2019, cadranno i benefici della definizione agevolata e dovrai pagare tutto (e subito).

 

Ti faccio un esempio. A fronte di un debito di 100 mila euro (70 mila di imposte, 20 mila di sanzioni e 10 mila di interessi), l’importo da pagare si ridurrebbe a 70 mila euro. Ma se non paghi la prima rata della Rottamazione Ter, il debito tornerà a 100 mila euro e dovrai pagarlo immediatamente, onde evitare l’aggressione dei tuoi beni da parte di ex Equitalia. 

 

In ogni caso, anche se hai ricevuto la comunicazione (o stai già rateizzando), puoi ancora scegliere di verificare la tua posizione debitoria e risolvere davvero con l’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Non tutti sanno, infatti, che oltre l’87% degli atti emessi da ex Equitalia contengono vizi di forma o di notifica che annullano il debito: con i nostri avvocati, attivi in tutta Italia, la situazione potrebbe ribaltarsi a tuo favore con sentenze “nero su bianco”!

 

Come Verificare il Mio Debito Adesso

Posted on

“Rifiorire” dopo l’annullamento del debito

annullamento debito ex equitalia - CFC Legal Garanti Del Contribuente

[vc_row][vc_column][vc_column_text]È proprio il caso di dirlo: dove passa l’Agenzia delle Entrate Riscossione non cresce più l’erba! Come è accaduto a Daniele, giardiniere lombardo, rifiorito dopo l’annullamento del debito

 

Una storia che va ben oltre il valore economico delle cartelle esattoriali a carico di Daniele. “Ti ridacchiano in faccia, ti senti umiliato”, è così che il giardiniere descrive il suo incontro con il personale di ex Equitalia. Quelle cartelle esattoriali un po’ se le aspettava. L’azienda di famiglia era in crisi e aveva dovuto trascurare qualche adempimento nei confronti del fisco. Ma, quando il postino te le consegna, le cose cambiano e  “non dormi più, ti senti un ladro”

 

Tra leasing, stipendi ai suoi operai e debiti da pagare accumulati nel tempo, Daniele è ormai soffocato dal debito. Vede inoltre sfumare ogni suo progetto per il futuro, quei sogni coltivati in anni di lavoro come comprare una casa e farsi una famiglia: “Avevo paura, non avevo il coraggio di comprare una casa per paura che me la portassero via, non vedevo alcun futuro per me”. 

 

Quando arriva da noi, Daniele non trova solo degli avvocati, ma soprattutto delle persone in grado di comprendere la sua situazione. Perché chi è oppresso dal debito innanzitutto si sente solo. Nonostante siano oltre 2 milioni le posizioni debitorie aperte in Italia per “guai” con il fisco. E, dall’analisi delle sue cartelle, in lui rinasce la speranza: il ricorso si può fare.

 

Oggi Daniele, giardiniere di Milano, è “rifiorito”. I Giudici della Commissione Tributaria di Milano hanno infatti accolto il ricorso e cancellato il debito. Grazie a casi come quello di Daniele e di tanti imprenditori e professionisti che hanno risolto, noi oggi ci sentiamo un “giardino” in cui far rifiorire la serenità di tante persone.

 

A testimoniarlo sono le numerose sentenze di annullamento del debito che abbiamo ottenuto sino ad oggi, con oltre 541 ricorsi presentati dall’inizio dell’anno

 

Anche tu puoi ottenere l’annullamento del debito: scopri come

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][ultimate_heading main_heading=”CONTATTACI” spacer=”line_with_icon” spacer_position=”middle” line_height=”1″ icon_type=”custom” icon_img=”id^549|url^https://www.cfclegal.it/wp-content/uploads/2018/12/scudo-garante.png|caption^null|alt^null|title^scudo garante|description^null” img_width=”48″]

Insieme possiamo Risolvere

[/ultimate_heading][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Posted on

Le 5 sentenze che annullano il debito ex Equitalia

Carlo Carmine, sentenze che annullano il debito - CFC Legal Garanti Del Contribuente

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Dopo l’annuncio della proroga della Rottamazione Ter, Carlo Carmine, il Difensore Patrimoniale, e l’avvocato Simone Forte hanno mostrato 5 sentenze che di recente hanno permesso di annullare il debito con ex Equitalia al 100%.

 

Un’ora di formazione gratuita che, con il consueto linguaggio semplice e comprensibile, ha permesso a imprenditori e professionisti di capire meglio cosa è accaduto e cosa sta per succedere.

 

Segui il Webinar in versione integrale

 

Numerose le domande arrivate nel corso  o inviate via email nei giorni precedenti. Tra le tematiche più “gettonate”, affrontate durante la diretta:

 

  • come eliminare ipoteche e pignoramenti
  • come verificare la validità dell’Estratto di Ruolo
  • vizi di notifica e prescrizione delle cartelle esattoriali
  • annullamento del debito (anche se hai aderito alla Rottamazione Ter e stai già pagando)

 

Si è partiti dall’attualità: 22 milioni di posizioni debitorie in Italia, 1 milione e 700 mila domande di adesione alla cosiddetta Pace Fiscale. A fronte di questi dati, si attende che passi l’emendamento al Decreto Crescita che riaprirà ufficialmente la Rottamazione Ter.

In queste ore, già in tanti si sono recati agli sportelli dell’Agenzia delle Entrate Riscossione per sapere come aderire alla proroga della sanatoria. Di certo sappiamo che il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato al 31 luglio.

 

Segui il Webinar in versione integrale

 

Il 31 luglio si avvicina. Ma, prima di scegliere la rateizzazione, fai sempre verificare la tua posizione debitoria. Come testimoniano migliaia di sentenze, dall’analisi dell’Estratto di Ruolo potrebbero emergere importanti segnali di illegittimità, tali da annullare il tuo debito.

 

Come verificare le mie cartelle

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][ultimate_heading main_heading=”CONTATTACI” spacer=”line_with_icon” spacer_position=”middle” line_height=”1″ icon_type=”custom” icon_img=”id^549|url^https://www.cfclegal.it/wp-content/uploads/2018/12/scudo-garante.png|caption^null|alt^null|title^scudo garante|description^null” img_width=”48″]

Insieme possiamo Risolvere

[/ultimate_heading][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]