Posted on

Avvisi di Accertamento e Atti Esecutivi: come difendersi

avvisi di accertamento

In tempi di pandemia, gli Avvisi di Accertamento e le Intimazioni di Pagamento inviate fino all’8 marzo sono “bombe” pronte ad esplodere. Sono tantissimi gli imprenditori che, prima dei vari decreti, si sono trovati tra le mani la temuta “busta verde”. E, appena tutto sarà finito, Ex Equitalia e Agenzia delle Entrate non esiteranno a reclamare quanto dovuto.

Per agire nel modo giusto, segui il Webinar Gratuito

“Come Affrontare un Avviso di Accertamento di Agenzia delle Entrate o un’Intimazione di Pagamento di ex Equitalia ai Tempi del Coronavirus”

Domani, Venerdì 17 Aprile

ore 12.00

 

Iscriviti al Webinar Gratuito

 

Insieme a Carlo Carmine, all’Avv. Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, in diretta verranno affrontati temi di fondamentale importanza:

  • come affrontare gli Avvisi di Accertamento
  • come difendersi dalle Intimazioni di Pagamento
  • come risolvere i problemi col Fisco precedenti al Coronavirus

 

Anche in tempi di Coronavirus, quindi vietato abbassare la guardia! Oggi più che mai, devi difenderti dalle future aggressioni del Fisco, quelle che potrebbero compromettere la ripresa del tuo business. 

 

Scopri come Annullare gli Avvisi di Accertamento

 

Sono tantissimi gli Avvisi di Accertamento e le Intimazioni di Pagamento inviate agli Imprenditori italiani  fino all’8 Marzo scorso. Non devi fingere che non esistano: questo potrebbe compromettere la tua ripresa, dopo la crisi economica più dura dal Dopoguerra. Pensa al domani e liberati oggi dai debiti fiscali. Il futuro è nelle tue mani.

 

ATTENZIONE. Il Webinar è Gratuito ma i Posti sono Limitati!

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza. I nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione anche  tramite Skype o WhatsApp

 

Scopri di Più

 

Posted on

Decreto Liquidità. In Diretta tutte le risposte agli imprenditori

webinar decreto liquidità

L’Italia lo aspettava col fiato sospeso. E, nella serata di lunedì, il Decreto Liquidità è arrivato. Ma, ancora una volta, i provvedimenti sono tantissimi e non sempre di facile comprensione per chi è un imprenditore (e con il ‘legalese’ non ci va proprio d’accordo).

 

Per fare chiarezza e approfondire gli argomenti che interessano direttamente te e tutte le imprese italiane, segui la diretta di Sabato 11 Aprile alle ore 10.30:

 

> Ultimissime dal Decreto Cura Italia e dal Decreto Liquidità <

Nuovissime Modifiche ai Termini di Versamento delle Imposte e alle Scadenze di Aprile e Maggio per Agenzia delle Entrate, ex Equitalia e INPS

 

Ad affrontare i temi più importanti per gli imprenditori sono Carlo Carmine, Simone Forte e Mauro Finiguerra, esperto in contenzioso tributario, fiscalità internazionale, internazionalizzazione d’impresa e difesa del patrimonio.

 

Iscriviti Gratis al Webinar

 

Entrando nel vivo dei provvedimenti del Decreto Liquidità (ma anche del ‘Cura Italia’), in particolare parleremo di:

  • Gestione Scadenze Aprile e Maggio 2020 e nuovi Termini di Versamento delle Imposte 
  • Nuovi Termini per la Rottamazione Ter e il Saldo e Stralcio 
  • Nuovi Termini di Decadenza e Prescrizione delle Cartelle Esattoriali  

Per questo, non devi perdere la diretta di Sabato 11 Aprile alle ore 10.30. 

Un webinar nato per gli imprenditori, che risponde a queste e tante altre domande con un linguaggio semplice, chiaro e concreto.

 

Se anche tu hai una domanda, inviala ora e assicurarti la partecipazione a “Ultimissime dal Decreto Cura Italia e dal Decreto Liquidità”. Come per i precedenti webinar, tutti riceveranno una risposta, in diretta o per iscritto dopo la live.

 

Iscriviti Gratis al Webinar

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza. Perché CFC Garanti del Contribuente non si ferma e i nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione anche tramite Skype o WhatsApp

Scopri di più  

Posted on

Tutelare il Patrimonio ai Tempi del Coronavirus

Tutelare il Patrimonio

Se svolgi un’attività d’impresa, tutelare il patrimonio ai tempi del Coronavirus è una scelta di responsabilità. Imprenditori e professionisti temono di perdere tutto e non sanno come difendere i propri beni, prima e dopo la crisi.

Per rispondere alle tantissime domande di chi oggi vuole tutelare il proprio business, non perdere il webinar gratuito

“Proteggi il tuo Patrimonio dalla Crisi”

Venerdì 3 aprile

Ore 14.30

 

Iscriviti al Webinar Adesso

 

Nel corso della diretta di domani, Carlo Carmine di CFC Garanti del Contribuente e Gianluca Massini Rosati di Soluzione Tasse, parleranno di:

  • i 5 maggiori rischi che possono minacciare il tuo patrimonio (e che probabilmente stai già correndo!) in questo momento di crisi
  • gli strumenti da NON utilizzare e che potrebbero causare seri problemi anche di natura penale (e che magari stai già utilizzando, esponendoti a rischi molto gravi)
  • Holding e Trust, ovvero i 2 strumenti fondamentali per mettere al sicuro il tuo patrimonio in modo legale
  • come garantire continuità all’azienda e salvaguardare la liquidità
  • come utilizzare correttamente le strategie di protezione del patrimonio e ridurre il tuo carico fiscale (e che potrebbero condannarti ad un inferno di Tasse).

Iscriviti al Webinar Adesso

 

Il Paese sta affrontando la più grande Crisi dal Dopoguerra. Ancora più grave di quella del 2008. E, secondo il centro studi di Confindustria, dobbiamo aspettarci un calo del 10% del PIL nazionale per il primo semestre dell’anno. E, anche ipotizzando un “superamento della fase acuta dell’emergenza a fine maggio”, Confindustria stima comunque un -6% per il 2020. Per il 2021 è atteso solo un “parziale recupero”, con un timido rimbalzo del +3,5%.Per questo è importante tutelare il patrimonio con gli strumenti giusti, prima e dopo il Coronavirus. 

Tutelare il patrimonio è importante… non sarà tempo perso!

N.B. Il Webinar è Gratuito ma i Posti sono Limitati: non perdere questa possibilità!

Posted on

I settori in crescita ai tempi del Covid-19

settori in crescita

Nonostante la peggiore crisi dal Dopoguerra, il paese non si ferma e lo testimoniano i settori in crescita. Nella storia sono chiamate “economie di guerra” e sono il segnale tangibile di un’Italia che non si arrende al “nemico invisibile”.  

A trainare la nostra “economia di guerra” è innanzitutto il settore alimentare (+12,9%), tra “assalti” ai supermercati e impennata degli acquisti online. Segue il settore medicale (+11%) e farmaceutico (+16%), con fatturati in aumento. E non mancano le aziende importanti hanno convertito la produzione. Come Armani che oggi produce camici monouso e la Scuderia Ferrari che dai motori di Formula 1 è passata ai respiratori. 

Infine, lo smartworking ha determinato un aumento delle richieste sul fronte della tecnologia, con cospicui investimenti da parte delle aziende. 

 

Purtroppo la situazione è, invece, particolarmente grave per le attività legate al turismo (-73%). Dagli alberghi ai trasporti, sino a tutto l’ecosistema delle fiere di settore, con la definitiva cancellazione del Salone del Mobile (con una perdita stimata in 1,5 mld di euro). L’edilizia registra un -8,3% delle costruzioni, mentre le concessionario d’auto registrano perdite del 24,5%

 

Proprio come nel Secondo Dopoguerra, le nostre imprese ce la faranno. Noi ci saremo, già ci siamo e insieme ce la faremo. E i settori in crescita devono essere un faro nel buio. 

Oggi più che mai, quindi, è importante pensare al futuro guardando al presente

Una consulenza a distanza, completa e accurata come in studio, ti consentirà di agire tempestivamente per la ripresa dopo il Coronavirus.

Verifica adesso la tua situazione debitoria con il Fisco!

 

Posted on

Notifica delle raccomandate fiscali: le novità

notifica delle raccomandate fiscali

Un vecchio film americano si intitola “Il postino suona sempre due volte”. Ma, in tempi di Coronavirus, anche quando si tratta di notifica delle raccomandate fiscali il postino può rifiutarsi di suonare

Ligio alle regole di ‘distanza sociale’, il postino può infatti lasciarti la raccomandata fuori dalla porta o nel cortile del palazzo (magari senza nemmeno suonare). E, in virtù delle nuove norme ‘anti-contagio’, la notifica delle raccomandate fiscali risulterà comunque avvenuta e perfezionata.

Il Covid-19 fa paura, ma ancora di più le nuove norme di notifica delle raccomandate fiscali con acquiescenza “sulla parola” del dipendente postale, senza possibilità di appello. 

Ecco un’altra delle insidie che si nascondono tra le pieghe del Decreto ‘Cura Italia’, sempre più “pro Fisco” e contro gli interessi dei contribuenti. In particolare, contro i tantissimi imprenditori che – al momento della ripresa – diventeranno bersaglio di ex Equitalia e Agenzia delle Entrate per atti mai ricevuti.

Per questo, è importante anticipare i tempi e cominciare dal risolvere i problemi col Fisco preesistenti al Coronavirus. I prossimi due mesi saranno determinanti per te: liberarsi dai “vecchi” debiti, significherà ripartire concentrandoti solo sul tuo business, investendo sulla rinascita della tua attività.

Puoi richiedere una consulenza anche adesso e gettare le fondamenta di una ripresa che dipende da ciò che fai adesso (e senza muoverti da casa). I nostri avvocati sono a tua disposizione per consulenze a distanza, tramite Skype o WhatsApp, con la qualità e la competenza di empre.

 

 

Posted on

Moratoria Fiscale. Ruffini dice no

moratoria fiscale

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, dice no a una moratoria fiscale per tutto il 2020. “Non credo ci sia un solo paese al mondo che potrebbe permetterselo”, commenta

Nonostante la drammatica situazione che stiamo attraversando, il Fisco non vuole sentire ragioni. E aggiunge: “dopo la cura, ci sarà la convalescenza in cui dovrà essere distinto chi può ancora dare un contributo al Paese e chi no”.

Peccato che la “Cura” volti le spalle proprio agli imprenditori che, da sempre, costituiscono la spina dorsale della nostra economia. Quelle imprese che fatturano oltre 2 milioni di euro annui e non avranno accesso alle agevolazioni fiscali. Questi imprenditori sono chiamati, dunque, a mettere mano al portafoglio, nonostante fatturati in crollo. 

Moratoria fiscale e Rottamazione Quater

Ruffini fa anche un appello ai contribuenti: “bisogna assicurare le risorse per garantire ai cittadini i servizi essenziali […] chi può deve continuare a contribuire”L’appello delle imprese è, invece, quello di una Rottamazione Quater che consenta loro di rialzarsi e al contempo pagare, tutto, ma con una rateizzazione che non li soffochi. 

Perché il nostro è un paese di contribuenti onesti, che vogliono pagare le imposte e continuare a produrre, ma senza dover scegliere tra il fisco e i dipendenti, tra le tasse e i fornitori

Capiamo quello che afferma Ruffini, ma crediamo che sia altrettanto importante avere un Fisco non ostile,con una moratoria fiscale che aiuti le imprese. Per questo, proprio in questo momento difficile, è importante verificare la tua situazione fiscale pregressa.

Anche tu puoi fare la tua parte e scegliere di risolvere oggi con ex Equitalia e Agenzia delle Entrate, per ripartire domani senza più debiti con lo Stato.

Richiedi una consulenza: ti richiameremo gratis entro 1 ora!

 

Posted on

Cura Italia: tra le “pieghe” del Decreto

decreto cura italia

Ti sei perso il Webinar “Ultimissime Novità Decreto Cura Italia“? Puoi rivederlo quando vuoi sul mio canale YouTube!

In questa giungla di informazioni, c’è bisogno di chiarezza, partendo dall’analisi di ciò che si nasconde tra le “pieghe” del provvedimento. Gli articoli del decreto sono tantissimi e, di alcuni, nessuno parla in tv o sui giornali (forse perché “pro fisco” e palesemente contro le imprese).

Rivedi il webinar 

Insieme all’Avv.Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, abbiamo quindi analizzato i temi più controversi del Decreto Cura Italia:

  • impatto del decreto sui versamenti delle imposte, in particolare sul fronte della sospensione dei pagamenti solo per alcune categorie d’impresa 
  • come comportarsi con l’Agenzia delle Entrate in fatto di Avvisi di Accertamento, termini di Decadenza e Prescrizione , sospensione dei ricorsi (ma non delle scadenze per i rimborsi), notifiche delle raccomandate “sulla parola” e accertamenti con adesione senza obbligo di firma digitale (al telefono o in teleconferenza, fuori da ogni norma)
  • come gestire le rateizzazioni ex Equitalia, la Rottamazione Ter, il Saldo e Stralcio, nonché le azioni esecutive in essere, dai pignoramenti dello stipendio al blocco del conto corrente 
  • novità sulla sospensione di mutui e affitti 

Rivedi il webinar 

Per esserti ancora più vicini, CFC Garanti del Contribuente sarà live ben 2 volte a settimana.

Un contributo di fondamentale importanza in un momento di paura e confusione, in cui soltanto la chiarezza può rasserenare gli animi. La ripresa ci sarà, ma dobbiamo prepararci al meglio per ripartire con più forza. Come? Risolvendo, innanzitutto, i problemi con Ex Equitalia e Agenzia delle Entrate

Stay Tuned!

 

Posted on

25 Marzo: ‘Ultimissime Decreto Cura Italia’ in diretta

ultimissime decreto cura italia

Ultimissime Decreto Cura Italia: ecco di cosa hanno bisogno gli imprenditori e i professionisti in queste ore, tra contagi in aumento e DPCM di fermo totale.

La confusione regna sovrana. I punti del decreto, infatti, sono tantissimi e difficili da interpretare. Per non parlare delle ambiguità che rendono impossibile un’applicazione univoca delle norme.

Per questo, non devi perdere la diretta di Mercoledì 25 Marzo alle ore 12.00. 

Ad affrontare i temi più “caldi” del momento sono Carlo Carmine – Il Difensore Patrimoniale, Simone Forte e Mauro Finiguerra, esperto in contenzioso tributario, fiscalità internazionale, internazionalizzazione d’impresa e difesa del patrimonio.

 

Iscriviti al Webinar e invia la tua domanda

 

  • Come gestire Scadenze Fiscali, F24 e nuovi Termini di Versamento
  • Chi può posticipare i Pagamenti (e come)?
  • Come gestire le pendenze con ex Equitalia e Agenzia delle Entrate?
  • Come affrontare lo stop alla produzione e salvaguardare la liquidità delle imprese?

“Ultimissime Decreto Cura Italia” è il webinar gratuito che risponde a queste e tante altre domande. Si inizierà dall’interpretazione delle norme del decreto che ti riguardano direttamente. Con un linguaggio semplice e chiaro, verrà poi analizzato il DPCM di sabato sera

 

Se anche tu hai una domanda, inviala ora e assicurarti la partecipazione a “Ultimissime Decreto Cura Italia”. Come per il precedente webinar, tutti riceveranno una risposta, in diretta o per iscritto dopo la live.

 

Iscriviti al Webinar Gratuito di Carlo Carmine

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza. I nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione anche  tramite Skype o WhatsApp. Perché, mentre tu resti a casa, CFC Garanti del Contribuente non si ferma!

 

Richiedi una consulenza legale a distanza

Posted on

Rottamazione Quater: l’antidoto salva-imprese

rottamazione quater

Rottamazione Quater: è questa la proposta lanciata con forza da Carlo Carmine. Il Difensore Patrimoniale così voce ai grandi esclusi dal Decreto “Cura Italia”: i piccoli e medi imprenditori.

Solo una nuova Pace Fiscale potrebbe rappresentare l’antidoto al fallimento di tante imprese, dando a tutti la possibilità di rateizzare i pagamenti sino a 120 mesi, indipendentemente da Isee e indici di bilancio.

È necessario farsi sentire e agire con forza, prima che questa manovra si riveli più dannosa che ‘terapeutica’ per l’economia del Paese. Per questo Carlo Carmine, Presidente della CFC Garanti del Contribuente, è intervenuto su Affari Italiani per mettere in luce tutte le “falle” dei provvedimenti del Governo, insufficienti e pieni di contraddizioni.

Il decreto contiene numerose norme: purtroppo, però, le meno efficaci sono quelle che riguardano le PMI, il vero motore economico del nostro Paese. E Carlo Carmine, in proposito, evidenzia quanto “la sola soluzione reale alla questione ‘crisi’ sia la Rottamazione Quater“.

LEGGI L’ARTICOLO DI AFFARI ITALIANI

In particolare, sono tre i punti critici del Decreto appena varato dal Governo:

1. Sospensione dei termini dei versamenti fiscali e contributivi ad esclusione di gran parte delle PMI (in particolare quelle che fatturano oltre 2 milioni di euro cui è concesso un rinvio di soli 4 giorni)

2. Rinvio termini di accertamento e versamento dei carichi affidati alla riscossione. Questa sospensione, tuttavia, non è prevista per le indagini finanziarie e per l’accesso all’anagrafe tributaria . A ciò si aggiungono prescrizione e decadenza degli atti prorogate di 2 anni (con sospensione dello Statuto del Contribuente)

3. Pagamento in 5 rate della mini sospensione (che esclude i carichi fiscali pendenti).

Oggi più che mai è, dunque, necessario pensare a una Rottamazione Quater che salvi le imprese, la nostra economia e un Paese che vuole ripartire.

Più forte di prima.

Posted on

Rottamazione Quater: la soluzione per gli imprenditori all’emergenza CoronaVirus

Rottamazione Quater

Perché una Rottamazione Quater? Innanzitutto per aiutare le PMI, cui sin dal Decreto “Cura Italia” non è di certo riusciti a tendere teso una mano. Anzi, si è rischiato di provocare sul lungo periodo danni ancora più gravi per la nostra economia.

Appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il Decreto “Cura Italia” fu definito da Giuseppe Conte come “Una diga per proteggere gli imprenditori italiani”. Tuttavia, sembrò fare acqua da tutte le parti.

Stessa sorte anche per tutti i Decreti che ne sono seguiti, incluso il Ristori, Ristori Bis, Ter e Quater che seppur abbiamo traslato i pagamenti, non sono stati in grado di fare null’altro.

E gli imprenditori sono in ginocchio, soprattutto alla luce della ripresa della riscossione

Carlo Carmine, il Difensore Patrimoniale e Presidente della CFC Garanti dell’Imprenditore, è intervenuto su Economy per mettere in luce tutte le “falle” dei provvedimenti del Governo, insufficienti e pieni di contraddizioni.

Il decreto contiene numerose norme: purtroppo, però, le meno efficaci sono quelle che riguardano le PMI, il vero motore economico del nostro Paese.

Carlo Carmine, inoltre, evidenzia quanto “la sola soluzione reale alla questione ‘crisi’ sia la Rottamazione Quater“.

LEGGI L’ARTICOLO DI ECONOMY

In particolare, mi sono voluto concentrare su tre aspetti fondamentali, che tutti gli imprenditori devono conoscere per agire nel modo giusto:

1. Sospensione dei termini dei versamenti fiscali e contributivi ad esclusione di gran parte delle PMI (in particolare quelle che fatturano oltre 2 milioni di euro)

2. Rinvio termini di accertamento e versamento dei carichi affidati alla riscossione. Questa sospensione, tuttavia, non è prevista per le indagini finanziarie e per l’accesso all’anagrafe tributaria . A ciò si aggiungono prescrizione e decadenza degli atti prorogate di 2 anni (con sospensione dello Statuto del Contribuente)

3. Pagamento in 5 rate della mini sospensione (che esclude i carichi fiscali pendenti).

Perché una Rottamazione Quater

Oggi più che mai è dunque necessario agire risolutamente con una nuova Pace Fiscale. La Rottamazione Quater dovrebbe concedere a tutti pagamenti dilazionati sino a 120 mesi, indipendentemente da Isee e indici di bilancio, dando agli imprenditori un aiuto concreto.

Ma – ancor prima – il mio consiglio è di risolvere adesso le questioni aperte con ex Equitalia e Agenzia delle Entrate.

Richiedi ora una consulenza a distanza con un avvocato esperto. Tramite Skype o WhatsApp, senza muoverti da casa.