Posted on

16 Ottobre, torna la Riscossione. È ufficiale: arrivano più di 9 milioni di cartelle esattoriali!

16 Ottobre, ormai è ufficiale il ritorno della Riscossione.
Ci abbiamo sperato fino all’ultimo, ma non c’è stato nulla da fare: il 16 Ottobre riparte la Riscossione, e con essa tutte le cartelle esattoriali rimaste “congelate” durante il Lockdown Fiscale.
Agenzia delle Entrate rimane ferma sulla propria posizione, annunciando che non ci saranno slittamenti, proroghe o sconti.
Non c’è più scampo adesso, è arrivato il momento di pagare, e il prezzo da pagare è davvero caro.

Il Ritorno della Riscossione: in arrivo milioni di cartelle esattoriali

Il Fisco si prepara ad inviare circa 10 milioni di sole cartelle esattoriali, accertamenti esecutivi, accertamenti doganali e ingiunzioni fiscali ai contribuenti.
Gli imprenditori italiani, il cuore pulsante del nostro paese, si preparano ad affrontare il peggiore disastro economico degli ultimi anni.
Nel frattempo i casi di Covid aumentano, lo stato d’emergenza è stato prolungato, e l’Economia italiana non fa altro che rallentare.
Soltanto il Fisco, con la sua folle corsa, sembra rimanere immune a tutto questo, nonostante il periodo oscuro che stiamo vivendo tutti quanti.
Ricordiamoci che, con il Decreto Agosto, abbiamo assistito ad un rinvio di 1 mese e mezzo per quanto riguarda i termini di sospensione dei pagamenti (prima era il 31 Agosto).
Una misura assolutamente necessaria e che ha evitato, in maniera momentanea, un bagno di sangue.
La situazione non è di certo migliorata, anzi. Ma il disastro è stato semplicemente rinviato.

La Riscossione torna, è ufficiale: arrivano le cartelle! La conferma del Ministro Gualtieri

Abbiamo detto all’Agenzia delle Entrate che adesso bisogna ripartire con grande gradualità, aggiungendo che noi abbiamo rinviato molte tasse e abbiamo anche sospeso per parecchi mesi tutte le cartelle“.
Queste le parole del Ministro dell’Economia e delle Finanze Gualtieri, che ha confermato quindi l’invio “graduale” della Riscossione a Rainews 24
Lo stesso Ministro Gualtieri, intervenendo a TGcom24, ha affermato:
Non dico parole di rassicurazione su un nuovo rinvio dei pagamenti fiscali e delle cartelle esattoriali, perché sarei un imbonitore“.
E ancora, intervenendo a “Il Giornale” ha aggiunto: “Siamo stati fra i governi che più hanno dilazionato i pagamenti, ma adesso abbiamo detto all’Agenzia delle Entrate che bisogna ripartire“.
Un momento davvero drammatico per il nostro paese, l’inizio di un periodo senza precedenti.
Nonostante questo, lo Stato si prepara a fare cassa, “affamato” dagli 8 mesi di digiuno.
Imposte dovute e Accertamenti degli anni passati“.
Con questa frase il Ministro sembra “giustificare” gli oltre 10 milioni di Atti (Pignoramenti, Ipoteche e Intimazioni di Pagamento) e Cartelle Esattoriali che dal prossimo 16 Ottobre busseranno alle porte degli Imprenditori Italiani.

16 Ottobre, la Riscossione torna. è ufficiale: cosa resta da fare?

Credo sia impossibile, al giorno d’oggi, riuscire a non ‘annegare‘ dinanzi una così dirompente e cieca azione del Fisco“.

“Come si può pensare – afferma il Difensore Patrimoniale Carlo Carmine – di aggredire così tanti imprenditori italiani già provati dalla crisi causata dal Covid, con Intimazioni di Pagamento, Ipoteche e Pignoramenti in un momento ancora così delicato per l’Economia del Paese”.

Abbiamo avuto modo di discuterne durante la serata del Tax Show Live, il 1° Programma Web fatto da Imprenditori per Imprenditori, in onda ogni lunedì alle 20:30.

Ormai niente è più certo, e gli imprenditori, di fronte a tutto questo, devono fare delle scelte dolorosissime per non perdere la propria attività e i propri dipendenti.

Quando si tratta di Fisco, però, la scelta migliore è sempre e solo una: agire in maniera tempestiva, prima che sia troppo tardi.

Rimane della stessa idea Carlo Carmine, Speaker internazionale, autore Best Seller Amazon, Difensore Patrimoniale e Presidente di CFC Group:

A poco servono, a mio avviso, le rassicurazioni circa un’azione di recupero graduale perché una cosa è certa: i debiti superiori a 100 mila euro saranno nell’occhio del ciclone perché più aggredibili nell’immediato. Il mio consiglio è correre ai ripari e, per quanto possibile, giocare d’anticipo“.

 

La Riscossione torna, è ufficiale: cosa fare prima del 16 Ottobre

 

Rimangono solo 10 giorni alla Ripartenza della Riscossione, uno Tsunami Fiscale annunciato dalla stessa Agenzia delle Entrate Riscossione.
Circa 10 milioni tra cartelle esattoriali e atti, già pronti ad essere inviati agli imprenditori italiani, senza alcuna eccezione.
Il tempo non è di certo a tuo favore, ma oggi, più che mai, siamo chiamati a difenderci dal Fisco.
Questo è il momento giusto per capire come mettere in sicurezza quello che hai costruito con immensa fatica.
Le opportunità ci sono, ma ancora per poco. Scopri come puoi fare.
Posted on

Contributi a Fondo Perduto. Come Ottenerli (guarda la diretta)

Questa settimana Tax Show Live affronta un argomento più che mai attuale per la ripresa economica: 

 

Contributi a Fondo Perduto, Come Ottenerli

Mercoledì 17 Giugno

Ore 21.00

 

Carlo Carmine, l’Avv. Simone Forte e il Dott. Mauro Finiguerra daranno informazioni pratiche e concrete per accedere a questi aiuti. In particolare, si entrerà nel vivo della questione per chiarire chi può farne richiesta (e in base a quali requisiti), come e quando

 

Verranno approfondite le modalità di accesso, secondo i 3 scaglioni definiti dal Governo. Il Decreto Rilancio, infatti, quota questo fondo tra il 10 e il 20% a seconda della differenza di fatturato tra aprile 2019 e aprile 2020.

 

Iscriviti Ora a Tax Show Live e Invia la Tua Domanda

 

Oltre ad occuparsi di Decreto Rilancio e Contributi a Fondo Perduto, gli esperti in studio si concentreranno sui 3 imperativi che guidano il 76% degli imprenditori:

  • Come Salvaguardare la Liquidità Aziendale
  • Come Annullare le Ipoteche con cui ex Equitalia aggredisce i beni immobili degli imprenditori
  • Quale mindset vincente adottare in tempi di CoronaVirus

 

Si inizia con Vincenzo Di Vincenzo, Direttore Responsabile di Ansa Lombardia, per un’analisi della situazione attuale e un commento ai “Numeri” legati alla Crisi, al Fisco e alle iniziative del Governo.

 

Spazio poi all’analisi approfondita del “Caso Risolto” di un imprenditore che si è rivolto a CFC Garanti dell’Imprenditore per cancellare l’Ipoteca (e il debito sottostante).

 

Non mancheranno le “Domande&Risposte Live”: una rubrica davvero importante perché fatta dagli imprenditori che, ogni settimana, inviano centinaia di domande a Tax Show Live.

 

Iscriviti Ora a Tax Show Live e Invia la Tua Domanda

 

Infine, per la Rubrica “Nuovi Strumenti per Far Decollare il Fatturato”, ospite d’eccezione sarà Roberto Re, il Mental Coach N.1 in Italia. Sarà lui, coach di sportivi olimpici e top manager, a rivelare i segreti per cavalcare il cambiamento che stiamo attraversando. Non mancheranno consigli pratici e strategie immediatamente attuabili, sempre “a misura di imprenditore”.

Posted on

Novità Decreto Rilancio: l’impresa al centro

novità del decreto rilancio

In oltre 400 pagine, le Novità del Decreto Rilancio riguardano da vicino le imprese italiane. Un testo imponente in cui, però, non è facile orientarsi (ma è necessario se vuoi ripartire al meglio col tuo business).

Per gli imprenditori, infatti, le Novità del Decreto Rilancio sono Opportunità Concrete. In particolare, le possibilità di rilancio si aprono per chi:

  • Aderito alla Rottamazione Ter ma non è riuscito a pagare le rate previste entro Dicembre 2019
  • Aderito alla Rottamazione Ter ed è in regola con i Pagamenti dello scorso Dicembre 2019
  • Attivato una Rateizzazione con l’Agenzia delle Entrate ed ex Equitalia
  • Ricevuto un’Intimazione di Pagamento per Cartelle Esattoriali non Pagate
  • Subito Pignoramenti o Iscrizioni Ipotecarie da parte di ex Equitalia
  • Ricevuto un Avviso di Accertamento prima dell’8 marzo 2020
  • Ricevuto degli Avvisi Bonari

 

Per chiarire meglio le novità del Decreto Rilancio dal punto di vista pratico, gli argomenti verranno approfonditi nel corso del webinar gratuito di stasera alle 21.00

 

Decreto Rilancio, uno Tsunami in Arrivo: Novità per chi ha Aderito alla Rottamazione Ter, per gli Avvisi di Accertamento, per le Cartelle ex Equitalia e per le Rateizzazioni Fisco

 

Segui il Webinar Gratuito e Scopri le Novità del Decreto Rilancio

 

Insieme a Carlo Carmine, all’Avv. Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, verranno approfonditi inoltre argomenti importanti come:

  • Ridurre e Annullare il Debito di Oltre 100mila Euro con il Fisco
  • Nuovi Termini di Versamento delle Imposte, delle Cartelle di ex Equitalia e degli Avvisi di Accertamento dell’Agenzia delle Entrate
  • Ottenere un Finanziamento Se Hai Debiti con il Fisco
  • Ottenere il DURC

Ma, soprattutto, verranno fornite Soluzioni Nuovissime (che nessuno ti darà) per Debiti con il Fisco Superiori a 100mila euro. 

 

Non vuoi aspettare il webinar?

Fissa ora una consulenza a distanza: i nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione!

 

Posted on

“Conflitto Fiscale”: Ripresa vs. Fisco

conflitto fiscale

 

Negli ultimi giorni la preoccupazione per la Fase 2 sta crescendo, soprattutto tra gli imprenditori. Da un lato le dichiarazioni del Premier Conte in merito al nuovo decreto (atteso in queste ore), dall’altro il “conflitto fiscale” preannunciato da Agenzia delle Entrate.

 

Per questo, non perdere il Webinar Gratuito

> Fisco e Fase 2 del CoronaVirus <

Riparte la Fase 2 del CoronaVirus. Riaprono le attività, è l’ora di affrontare gli Avvisi di Accertamento dell’Agenzia delle Entrate, le Ipoteche, i Pignoramenti e le Intimazioni di Pagamento di Ex Equitalia per gli Imprenditori

 

Venerdì 1 Maggio

ore 11.00

 

Iscriviti al Webinar Gratuito

 

Insieme a Carlo Carmine, all’Avv. Simone Forte e al Dott. Mauro Finiguerra, in diretta verranno affrontati temi di fondamentale importanza:

  • richiedere un Finanziamento in banca
  • ottenere il DURC
  • difendersi da un Pignoramento o un’Intimazione di Pagamento
  • affrontare un Avviso di Accertamento
  • perché verificare la tua situazione debitoria e anticipare il “conflitto fiscale”, risolvendo con l’aiuto di professionisti esperti e certificati prima che sia troppo tardi

 

La Fase 2 è alle porte. Le imprese guardano alla ripresa del business, anche grazie agli aiuti messi in campo dal Governo. Ma la preoccupazione per un possibile “conflitto fiscale” non fa dormire tanti imprenditori, potenzialmente a rischio chiusura a fronte di una pressione fiscale ingestibile

Per questo, oggi più che mai è importante proteggere il patrimonio, aziendale e personale, prima che sia troppo tardi. Consapevoli della delicatezza di questi argomenti, abbiamo deciso di tutelare la tua Privacy. Il Webinar sarà:

  • a Numero Chiuso (i Posti sono Limitati)
  • in Forma Anonima su Piattaforma Privata (potrai intervenire, fare domande e il tuo nome non sarà mai visibile)

 

Voglio Iscrivermi al Webinar Gratuito

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza, tramite Skype o WhatsApp. Gli avvocati di CFC sono a tua disposizione!

Posted on

Decreto Liquidità. In Diretta tutte le risposte agli imprenditori

webinar decreto liquidità

L’Italia lo aspettava col fiato sospeso. E, nella serata di lunedì, il Decreto Liquidità è arrivato. Ma, ancora una volta, i provvedimenti sono tantissimi e non sempre di facile comprensione per chi è un imprenditore (e con il ‘legalese’ non ci va proprio d’accordo).

 

Per fare chiarezza e approfondire gli argomenti che interessano direttamente te e tutte le imprese italiane, segui la diretta di Sabato 11 Aprile alle ore 10.30:

 

> Ultimissime dal Decreto Cura Italia e dal Decreto Liquidità <

Nuovissime Modifiche ai Termini di Versamento delle Imposte e alle Scadenze di Aprile e Maggio per Agenzia delle Entrate, ex Equitalia e INPS

 

Ad affrontare i temi più importanti per gli imprenditori sono Carlo Carmine, Simone Forte e Mauro Finiguerra, esperto in contenzioso tributario, fiscalità internazionale, internazionalizzazione d’impresa e difesa del patrimonio.

 

Iscriviti Gratis al Webinar

 

Entrando nel vivo dei provvedimenti del Decreto Liquidità (ma anche del ‘Cura Italia’), in particolare parleremo di:

  • Gestione Scadenze Aprile e Maggio 2020 e nuovi Termini di Versamento delle Imposte 
  • Nuovi Termini per la Rottamazione Ter e il Saldo e Stralcio 
  • Nuovi Termini di Decadenza e Prescrizione delle Cartelle Esattoriali  

Per questo, non devi perdere la diretta di Sabato 11 Aprile alle ore 10.30. 

Un webinar nato per gli imprenditori, che risponde a queste e tante altre domande con un linguaggio semplice, chiaro e concreto.

 

Se anche tu hai una domanda, inviala ora e assicurarti la partecipazione a “Ultimissime dal Decreto Cura Italia e dal Decreto Liquidità”. Come per i precedenti webinar, tutti riceveranno una risposta, in diretta o per iscritto dopo la live.

 

Iscriviti Gratis al Webinar

 

Se invece preferisci richiedere una consulenza personalizzata, puoi fissare ora un appuntamento a distanza. Perché CFC Garanti del Contribuente non si ferma e i nostri avvocati specializzati sono a tua disposizione anche tramite Skype o WhatsApp

Scopri di più  

Posted on

Social e Fisco: ex Equitalia ti spia

Social e Fisco

Qualora sorgano sospetti di incongruenza tra i redditi dichiarati e il tuo tenore di vita, il Fisco potrebbe “spiarti” attraverso i social. Un modo per raccogliere le prove della tua presunta “malafede” fiscale che sta prendendo piede anche in Italia. 

 

L’utilizzo dei social è già prassi consolidata in molti paesi, a partire dalla vicina Francia. E oggi il pericolo di un “Grande Fratello Fiscale” si fa sempre più pressante anche nel nostro paese. Guerra aperta, quindi, ai profili social, da Facebook a Instagram.

 

A tal proposito, esiste una circolare della Guardia di Finanza (la n.1/2018 del 2017) in cui viene specificata la possibilità di usare i social per “acquisire ogni utile elemento di conoscenza sul contribuente da sottoporre a controllo e sull’attività da questi esercitata”.

 

Ma, con le armi della Legge, puoi continuare a difenderti. Sono tantissimi i vizi di procedura e di notifica contenuti negli atti emessi dal Fisco. E, “nero su bianco”, annullano cartelle esattoriali, ipoteche, pignoramenti, intimazioni di pagamento, ecc. 

 

Parliamo di errori che, fino a prova contraria prodotta dall’ente riscossore, mettono in discussione l’atto. E, ogni giorno, si susseguono sentenze di annullamento emesse dai Giudici di tutta Italia.

 

Lo sanno bene i nostri avvocati, presenti in 125 fori su tutto il territorio nazionale. Nel solo 2019 abbiamo aiutato a risolvere oltre 1000 imprenditori e professionisti in difficoltà con ex Equitalia. Il prossimo puoi essere tu!

 

Scopri come annullare il debito con l’Agenzia delle Entrate Riscossione

Posted on

Avvisi di Accertamento e Debiti Fiscali: il Webinar in Diretta

avvisi accertamento

Il 2020 si apre con l’invio di oltre 300 mila atti esecutivi da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione. In particolare, protagonisti di ogni fine e inizio d’anno sono gli avvisi di accertamento

Per questo, Giovedì 16 Gennaio, Carlo Carmine e l’Avv. Simone Forte saranno in diretta con un Webinar Gratuito alle ore 13.00.

 

Incentrato sulle ultime novità in tema di avvisi di accertamento e annullamento del debito con ex Equitalia, il webinar ti permetterà di scoprire:

  • come annullare il debito con il Fisco
  • cosa fare se ricevi un avviso di accertamento di ex Equitalia
  • quali strategie annullano cartelle esattoriali, ipoteche, pignoramenti e intimazioni di pagamento
  • come tu stesso puoi identificare vizi di forma e notifica negli atti emessi da ex Equitalia

 

A ciò si aggiungono le novità del Decreto Fiscale che vorrebbe “in manette” chi ha problemi con il Fisco, senza distinguere tra evasori e persone veramente in difficoltà con il pagamento delle tasse. Ma anche tu puoi tutelarti “in punta di diritto” con sentenze emanate dai Tribunali di tutta Italia.

Per molti imprenditori e professionisti, infatti, i postumi della crisi economica si fanno ancora sentire. In tanti hanno aderito alla Rottamazione Ter ma, non essendo riusciti a pagare la prima rata, ora temono per il loro futuro e quello delle loro famiglie. E, in queste ore, imprenditori e professionisti sono alle prese con avvisi di accertamento, cartelle esattoriali, pignoramenti e intimazioni di pagamento.

 

Per questo è importante seguire il Webinar Gratuito di Giovedì 16 Gennaio a partire dalle ore 13.00.

 

Una diretta da non perdere, ricco di informazioni su come difendersi dalle “aggressioni” di ex Equitalia. Carlo Carlo Carmine e Simone Forte risponderanno, inoltre, alle domande del pubblico:

 

Iscriviti Ora al Webinar e Invia la Tua domanda

 

Save the Date:

Giovedì 30

Ottobre Ore 13.00

 

E se vuoi risolvere subito, richiedi una consulenza in studio!

Posted on

Intimazioni di Pagamento in Arrivo

intimazioni di pagamento

Dal 7 gennaio saranno in tantissimi a ricevere cartelle esattoriali, intimazioni di pagamento, ipoteche e pignoramenti.

 

Durante le festività, infatti, ex Equitalia ha “congelato” circa 300 mila atti esecutivi destinati a imprenditori e professionisti italiani. ​Un “regalo di Natale” destinato però a durare ben poco…

 

Tra gli atti più temuti, le intimazioni di pagamento possono davvero gettare nel panico. A fronte di un debito non pagato, ex Equitalia ti dà 5 giorni di tempo per regolarizzare la tua posizione. E, se non puoi pagare, ecco scattare il recupero forzoso del credito attraverso vere e proprie “aggressioni” ai tuoi beni (compresa la prima casa!).

 

Ma non tutti sanno che oggi è possibile difendersi da ex Equitalia avvalendosi della Legge. Innanzitutto perché, nonostante la “stretta” del Decreto Fiscale, i Giudici restano dalla parte di chi lavora onestamente nel nostro paese. 

 

​​Sono tantissimi i vizi di forma e di procedura che annullano le intimazioni di pagamento, cancellando il debito. A provarlo sono i tanti casi di contenzioso tributario che, quotidianamente, si chiudono con la vittoria del contribuente. E arrivano spesso in Cassazione. 

 

Ti faccio un esempio

  • Se l’intimazione di pagamento si riferisce a un debito più vecchio di 5 anni, l’atto è nullo. 
  • Lo stesso, se fa riferimento a cartelle notificate meno di 12 mesi prima.

 

Noi di CFC Garanti del Contribuente, da oltre 16 anni, ci battiamo proprio per questo: far valere i diritti di tutti quegli imprenditori e professionisti che fanno crescere il nostro paese, nonostante la pressione fiscale e i postumi di una crisi economica che ha messo in ginocchio famiglie e imprese. 

 

Quindi, se hai ricevuto un’intimazione di pagamento, non perdere tempo e fai analizzare la tua situazione da un legale esperto. ​​

Ma ricorda: dal momento della notifica, hai 20 giorni di tempo per impugnare l’intimazione e annullarla!

 

Agisci subito e risolvi adesso con l’Agenzia delle Entrate Riscossione!

 

Posted on

Tuo marito ha un debito col Fisco? Rischi la confisca della casa

confisca della casa

Se tuo marito o tua moglie ha un debito con il Fisco, ex Equitalia potrebbe aggredire anche i tuoi beni. A dirlo è la Cassazione che ha disposto la confisca della casa intestata alla moglie del presunto “evasore” fiscale e in cui la coppia vive con i due figli.

 

A nulla è valso il fatto che la casa fosse intestata a lei. Questo perché l’immobile proveniva da una vendita fatta in suo favore dal coniuge. Tale vendita è stata considerata “illegittima” perché presumibilmente finalizzata a ridurre i beni aggredibili dall’Agenzia delle Entrate Riscossione. 

 

La Cassazione ha infatti respinto ogni tentativo di difesa, innanzitutto l’impossibilità di pignorare/ipotecare la Prima Casa. Più che mai sul piede di guerra, ex Equitalia è pronta ad aggredire i tuoi beni, arrivando alla confisca della casa dove vivi. 

 

Per questo è importante “giocare di contropiede” e avvalersi della Legge per annullare il debito. “Vizi” di forma e di procedura sono più comuni di quanto immagini. Tra i più ricorrenti:

  • cartelle notificate più di 5 anni fa (quindi prescritte) 
  • cartelle esattoriali notificate nelle mani del portiere (o di altri soggetti terzi) e non seguite da ulteriori avvisi
  • indirizzo errato dell’intestatario
  • notifica di atto esecutivo (ipoteca, pignoramento, fermo amministrativo) non preceduta da regolare preavviso di pagamento del debito

 

Avvalendoti della Legge, anche tu puoi difendere la tua casa, la tua serenità e quella della tua famiglia con sentenze “nero su bianco”. Se hai un problema con ex Equitalia, il consiglio è quindi far verificare la tua posizione debitoria da un avvocato specializzato

 

Anche tu puoi risolvere: i Giudici lo dicono, Noi ti aiutiamo a farlo. Scopri Come!

Posted on

Rottamazione Quater. Ma tu puoi annullare il debito

rottamazione quater

Sono sempre più insistenti le voci riguardanti una prossima Rottamazione Quater. La nuova manovra rispecchierebbe la precedente, includendo i debiti con il Fisco fino al 31 dicembre 2018.

 

Una boccata d’ossigeno per imprenditori e professionisti. Ma per molti servirebbe soltanto a ritardare l’appuntamento con ex Equitalia. In occasione della Rottamazione Ter, infatti, sono stati tantissimi i contribuenti che non hanno potuto pagare già la Prima Rata… 

 

Inoltre, entro il 31 ottobre, sono previste le comunicazioni di ex Equitalia per quanto riguarda l’adesione al Saldo e Stralcio.  Il provvedimento, riservato alle persone fisiche con Isee non superiore a 20 mila euro, dall’anno prossimo potrebbe essere esteso anche alle imprese. 

 

Ma tu, anche se stai già rateizzando, puoi ancora far verificare il tuo debito con il Fisco e annullarlo “in punta di diritto” senza aspettare la Rottamazione Quater. 

 

Non tutti sanno che oltre l’87% degli atti emessi da ex Equitalia contengono vizi di forma o di notifica che possono annullarli. E oggi, sono tantissimi i casi risolti con sentenze “nero su bianco” emesse dai Giudici di tutta Italia.

 

Noi di CFC Garanti del Contribuente da oltre 15 anni siamo accanto a imprenditori e professionisti che non si arrendono e vogliono difendersi dalle “aggressioni” del Fisco.

 

Stai aspettando la Rottamazione Quater?

 

Nel frattempo, richiedi la verifica della tua situazione debitoria: un ricorso ben fatto può davvero ribaltare la situazione a tuo favore, annullando il debito al 100% o riducendolo del 60,70, 80%. Una realtà confermata dai numerosi casi risolti in questi anni, oltre 1174 nel solo 2018.

 

Scopri perché anche tu puoi annullare il debito