rottamazione quater
899 Views

Rottamazione Quater: l’antidoto salva-imprese

Rottamazione Quater: è questa la proposta lanciata con forza da Carlo Carmine. Il Difensore Patrimoniale così voce ai grandi esclusi dal Decreto “Cura Italia”: i piccoli e medi imprenditori.

Solo una nuova Pace Fiscale potrebbe rappresentare l’antidoto al fallimento di tante imprese, dando a tutti la possibilità di rateizzare i pagamenti sino a 120 mesi, indipendentemente da Isee e indici di bilancio.

È necessario farsi sentire e agire con forza, prima che questa manovra si riveli più dannosa che ‘terapeutica’ per l’economia del Paese. Per questo Carlo Carmine, Presidente della CFC Garanti del Contribuente, è intervenuto su Affari Italiani per mettere in luce tutte le “falle” dei provvedimenti del Governo, insufficienti e pieni di contraddizioni.

Il decreto contiene numerose norme: purtroppo, però, le meno efficaci sono quelle che riguardano le PMI, il vero motore economico del nostro Paese. E Carlo Carmine, in proposito, evidenzia quanto “la sola soluzione reale alla questione ‘crisi’ sia la Rottamazione Quater“.

LEGGI L’ARTICOLO DI AFFARI ITALIANI

In particolare, sono tre i punti critici del Decreto appena varato dal Governo:

1. Sospensione dei termini dei versamenti fiscali e contributivi ad esclusione di gran parte delle PMI (in particolare quelle che fatturano oltre 2 milioni di euro cui è concesso un rinvio di soli 4 giorni)

2. Rinvio termini di accertamento e versamento dei carichi affidati alla riscossione. Questa sospensione, tuttavia, non è prevista per le indagini finanziarie e per l’accesso all’anagrafe tributaria . A ciò si aggiungono prescrizione e decadenza degli atti prorogate di 2 anni (con sospensione dello Statuto del Contribuente)

3. Pagamento in 5 rate della mini sospensione (che esclude i carichi fiscali pendenti).

Oggi più che mai è, dunque, necessario pensare a una Rottamazione Quater che salvi le imprese, la nostra economia e un Paese che vuole ripartire.

Più forte di prima.