rottamazione quater
152 Views

Ex Equitalia “dà i numeri” (della Rottamazione Ter)

Con la proroga delle adesioni sino al 31 luglio, Agenzia delle Entrate Riscossione dà i numeri della Rottamazione Ter. Un milione e 700 mila le richieste pervenute sino al 30 aprile, per un introito atteso di circa 38 miliardi di euro.

Ma non è tutto oro quel che luccica. A spiegarlo è Antonino Maggiore, Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate. L’incasso finale, spiega Maggiore, dipenderà «da quanti pagheranno fino alla fine le rate (spalmate in 5 anni) e da «quanti invece hanno fatto istanza come manovra dilatoria».

I numeri delle passate rottamazioni, in tal senso, non sono molto incoraggianti per le casse dello Stato. Gli incassi effettivi si sono sempre assestati attorno al 46-47% del valore atteso. Tuttavia, è innegabile che questa terza edizione abbia totalizzato (già al 30 aprile) il più alto numero di adesioni in assoluto.

Ma quanti riusciranno davvero a pagare fino alla fine tutte le rate? Sicuramente, la proroga della Rottamazione Ter dà “un po’ di respiro” ai tantissimi imprenditori e professionisti messi in ginocchio dai debiti col fisco. Ma trovare le somme richieste, dopo anni di crisi, resta un’incognita.

Se da un lato il PIL è tornato a crescere, dall’altro in Italia si contano 20 milioni di posizioni debitorie. Numeri allarmanti, soprattutto perché legati a tasse non pagate per dare la precedenza a dipendenti e fornitori, portando avanti con grandi sacrifici aziende e attività professionali.

Ma, anche chi ha aderito alla Rottamazione Ter o sta già rateizzando, può scegliere di far verificare la propria posizione debitoria e cancellarla. Infatti, non tutti sanno che oltre l’87% degli atti emessi da ex Equitalia possono essere annullati.

Come? Rintracciando i vizi di forma e di notifica che (più spesso di quanto si pensi) sono contenuti in intimazioni di pagamento, cartelle esattoriali, ipoteche, pignoramenti e così via. Sono le sentenze dei Giudici a dirlo, restituendo la serenità a tante famiglie italiane.

Per questo CFC Garanti del Contribuente supporta imprenditori e professionisti per far valere i loro diritti e salvare attività messe in discussione dal debito. 

 

Anche tu puoi liberarti dei debiti con ex Equitalia: scopri come!

 

In attesa del 31 luglio, termine ultimo per l’adesione alla definizione agevolata, si prevedono incassi finali per lo Stato tra 1,04 e 2,27 miliardi di euro. Tu non perdere tempo! Fai verificare il tuo debito e annullalo “in punta di diritto” grazie al nostro team di avvocati specializzati, attivi in su tutto il territorio nazionale.

 

Come verificare il debito con ex Equitalia

CONTATTACI

null

Insieme possiamo Risolvere