8:00 - 19:00 lun-ven
+02 97070480

Società estinta: chi paga i debiti con il fisco?

Società estinta: chi paga i debiti con il fisco? Ripartenza Riscossione: dal 1° marzo “via libera” a nuove cartelle e procedure esecutive, Ipoteca fiscale: Come funziona e come difendersi. Rottamazione Quater? cartelle esattoriali, cfc legal, garanti dell'imprenditore, agenzia delle entrate, rinvio riscossione

Società estinta: chi paga i debiti con il fisco?

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 12307 del 23 giugno 2020  è tornata sul tema della notifica di avviso di accertamento nei confronti di una società estinta.

Già in passato, la Cassazione aveva stabilito che la cancellazione dal registro delle imprese, con conseguente estinzione della società, se avvenuta prima della notifica dell’avviso di accertamento, comportava che lo stesso avviso di accertamento, successivo, fosse inesistente se notificato alla società cancellata.

La cancellazione della società dal registro delle imprese ne causa l’estinzione. Per cui l’accertamento o altro atto impositivo notificato e intestato alla società dovrebbe considerarsi inesistente.

Tuttavia, con le modifiche introdotte dal Decreto Semplificazioni è comunque previsto che, ai soli fini fiscali e contributivi, le società debbano rispondere dei propri debiti fini a cinque anni dalla cancellazione dal registro delle imprese, con conseguente legittimazione nell’intestazione dell’atto direttamente all’impresa.

Società estinta: chi paga i debiti con il fisco?

Di conseguenza, anche a fronte dell’estinzione della società di capitali o di persone, è consentito all’amministrazione finanziaria effettuare le attività di controllo e di accertamento. Nonché notificare i relativi atti direttamente all’originario debitore e cioè alla società cancellata o estinta.

È chiaro, dunque, come la nuova disciplina evidenzi diverse problematiche. Sia con riguardo al luogo di notificazione degli avvisi di accertamento diretti a società estinte – è valida la notifica presso la ex sede legale della società? Sia con riguardo alla legittimazione processuale per l’eventuale impugnazione, e cioè: chi può contestare l’avviso di accertamento davanti al giudice tributario?

Ancor di più, tali criticità non possono che dare luogo a potenziali errori nella fase di notifica, sia in relazione alla individuazione dei soggetti destinatari della pretesa tributaria

Come avrai capito sono tante le domande che dovresti porti se anche tu eri socio di una società cancellata o estinta. Potrebbero nascondersi parecchie insidie e solo un esperto potrà aiutarti a capire come difenderti.

Non perdere tempo, rivolgiti ai nostri consulenti!

Risolvi ora!

Conosci qualcuno in difficoltà con il fisco? Condividi ora >>
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero interessarti: