8:00 - 19:00 lun-ven
+02 97070480

Riparte la riscossione! E ora che si fa?

Riparte la riscossione

Riparte la riscossione, rischio valanga di cartelle esattoriali per i contribuenti a partire da Gennaio! Il vice ministro per l’Economia Antonio Misiani, in un’intervista al Messaggero ha detto che delle nuove sospensioni o delle nuove proroghe rischierebbero di riprodurre le stesse problematiche al termine della scadenza. 

Aggiunge anche che stanno discutendo e che serve una risposta in tempi rapidi per quanto riguarda alcune nuove forme di rateizzazione con condizioni più favorevoli rispetto a quelle previste. Ma non solo, infatti serve una risposta in tempi brevi anche per sulla definizione agevolata dei debiti. 

Uno dei problemi più grandi per il fisco è quello dei debiti residui iscritti a ruolo relativi ad anni lontani e difficilmente riscuotibili. Questa massa limita l’efficienza dell’azione di riscossione dei crediti più recenti e non porta alcun beneficio alle casse dello Stato.

Misiani conclude dicendo che da sempre è contrario ai condoni. La crisi non sta coinvolgendo tutti allo stesso modo e l’obiettivo è aiutare chi ne ha davvero bisogno. 

In conclusione dal 1° di Gennaio riparte la Riscossione, più aggressiva che mai, soprattutto per i contribuenti con debiti superiori ai 100 mila euro. Infatti è stato proprio il Direttore di Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini ha dichiarare che i primi debiti a cui si punta sono proprio quelli più elevati.

La situazione si fa critica, ma come abbiamo detto proprio nell’articolo di ieri, il fisco si può battere! Noi di CFC Legal siamo pronti ad intavolare nuove battaglie contro il Fisco, al fianco di tutti i contribuenti che hanno bisogno del nostro aiuto. Un rapido consiglio che possiamo darti è quello di verificare sempre la tua situazione debitoria richiedendo un estratto di ruolo.

Non perdere altro tempo, valuta la tua situazione debitoria e vinci la tua battaglia!

Conosci qualcuno in difficoltà con il fisco? Condividi ora >>
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero interessarti: