8:00 - 19:00 lun-ven
+02 97070480

Cartelle esattoriali, Riscossione e Milleproroghe: le novità del 1° Marzo

cartelle esattoriali, ripresa della riscossione, agenzia delle entrate, 1 marzo, milleproroghe
Cartelle esattoriali, Riscossione e Milleproroghe: le novità del 1° Marzo

In tanti si aspettavano un ulteriore slittamento della data di ripresa dell’attività di notifica di cartelle esattoriali e degli di atti di pignoramento. E invece no. 

In questi giorni al vaglio delle Commissioni parlamentari c’è l’approvazione del disegno di legge di conversione del Decreto Legge n. 183 del 31 Dicembre 2020, recante Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, il c.d. “Decreto Milleproroghe”. 

Il testo ha confermato la “sospensione ponte” dell’attività di riscossione e dunque dei pagamenti delle cartelle bloccati fino 31 marzo e la sospensione delle notifiche di nuovi atti fino al 28 febbraio 2021. 

Stessa sorte per i pignoramenti presso terzi e per le verifiche di inadempienza effettuate dalla Pubblica Amministrazione nel caso di pagamenti superiori a 5.000,00 euro. 

Il Decreto Milleproroghe, nel suo testo di conversione, inserisce l’articolo 22-bis, che di fatto conferma quanto finora già noto. 

Cartelle esattoriali: dal 1° Marzo 2021 è confermata la ripresa delle attività di Riscossione Agenzia delle Entrate ed ex Equitalia

Il testo, conferma la data del 28 febbraio 2021 quale ultimo stop per alcuni adempimenti di natura tributaria come la notifica di cartelle esattoriali, termini di versamento derivanti da cartelle di pagamento, sospensione degli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione su stipendi e pensioni. 

Ribadisce che gli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, che dovevano essere notificati tra l’8 marzo 2020 ed il 31 dicembre 2020, potranno essere notificati nel periodo compreso tra il 1° marzo 2021 e il 28 febbraio 2022 (rispetto al previgente periodo dal 1° febbraio 2021 e il 31 gennaio 2022).

A rilanciare la notizia è anche il quotidiano d’informazione “Italia Oggi” all’interno dell’articolo “Una mini proroga alla riscossione”.

Il “non rinvio” ad oggi confermato apre ormai alla certezza che a partire dal 1° marzo la riscossione, seppur “gradualmente” secondo quanto dichiarato da Ernesto Marian Ruffini, Direttore dell’Agenzia delle Entrate, riprenderà. Il “farsi trovare pronti” alla chiamata è fondamentale per coloro che vogliono essere “liberi” di decidere come Gestire il proprio debito fiscale; è per questo che il consiglio è di affidarsi a un professionista per realizzare un’accurata verifica delle richieste di Agenzia delle Entrate ed ex Equitalia.

Come Gestire il Debito Fiscale

Conosci qualcuno in difficoltà con il fisco? Condividi ora >>
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero interessarti: