8:00 - 19:00 lun-ven
+02 97070480

Avviso di Accertamento: ecco le 5 categorie a rischio

avviso di accertamento

Avviso di Accertamento: ecco le categorie a rischio.

Stanno per arrivare quasi 100mila avvisi di accertamento destinati a piccole e medie imprese italiane. Lo scopo è quello di recuperare 14 miliardi di euro.

Pur dichiarando “azioni caute per il recupero”, il Fisco avvierà la riscossione in pieno tempo di crisi economica per gli imprenditori italiani. Ciò, soprattutto perché molte PMI italiane subiscono chiusure e restrizioni da oltre un anno che hanno gravato non solo sugli incassi ma anche sulla situazione debitoria.

Come effettuerà i controlli l’Agenzia Delle Entrate?

La selezione sarà mirata ad attività con una maggiore tendenza a subire accertamenti o, come riportano i documenti ufficiali, “a rischio evasione”. Inoltre, verrà fatta un’attenta analisi di rischio così da non sbagliare colpo. In lista anche un controllo di 161 banche dati delle Agenzie delle Entrate sfruttando l’ormai indispensabile “algoritmo”.

Questo significa che, ad oggi, il futuro della tua azienda se non prendi in mano la tua situazione debitoria e inizi a gestirla, è affidato a una macchina. A freddi conti matematici e randomici. Ciò rende più semplice individuare a quale categoria inviare l’avviso di accertamento.

Non sai che cos’è un avviso di accertamento? Lo trovi in questo articolo

Ad ogni modo, la maggiore attenzione verrà posta sugli aiuti erogati durante l’emergenza Covid. Questo porterà a controlli dei requisiti di chi ha beneficiato del fondo perduto.

L’attività di controllo si concentrerà, oltre che sul recupero dei contributi a fondo perduto,sui soggetti che hanno indebitamente utilizzato crediti d’imposta in compensazione, e sui soggetti destinatari di benefici e incentivi fiscali tra cui principalmente i seguenti crediti agevolativi:

  •   Per ricerca e sviluppo;
  •   Per investimenti nel Mezzogiorno;
  •   Sisma centro-Italia;
  •   Zone economiche speciali;
  •   Formazione 4.0.

    Arriveranno anche le lettere di compliance? Che cosa sono?

Iniziamo col definire che cos’è una lettera di compliace per essere chiari:

Le comunicazioni di compliance vengono inviate a quei contribuenti che sulla base dei dati in possesso dell’Agenzia, non risulterebbero essere stati in grado di compilare correttamente la dichiarazione dei redditi (modello Unico PF o modello 730).”

L’Agenzia delle Entrate invierà delle comunicazioni a contribuenti che contengono delle irregolarità riscontrate nelle dichiarazioni dei redditi tra i dati dichiarati e quelli che l’Agenzia ha disposizione nelle proprie banche dati, con il fine di regolarizzare l’errore o l’omissione.


Queste comunicazioni saranno inviate agli indirizzi di posta elettronica certificata, e in caso di PEC inattiva, sarà effettuata una spedizione tramite posta ordinaria.

Controlla le tue le lettere di compliance all’interno del Cassetto Fiscale.

Stando alle ultime indiscrezioni, entro quest’anno saranno inviate circa 650mila lettere. Quindi è giusto che ogni imprenditore controlli la propria situazione fiscale.

Scopri i 3 Vizi Principali che possono permetterti di Ridurre o anche Annullare un "Avviso di Accertamento"

Conosci qualcuno in difficoltà con il fisco? Condividi ora >>
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero interessarti: